Roma proiettile vagante

Roma, colpita alla schiena da un proiettile vagante: Caterina non ce l'ha fatta

Roma, proiettile vagante in strada: non ce l'ha fatta la donna di 81 anni rimasta ferita

La donna di 81 anni colpita da un proiettile vagante a Roma non ce l’ha fatta. Si è spenta così Caterina, la sfortunata passante rimasta ferita ieri pomeriggio da una pallottola. Era in corso una sparatoria proprio lì dove stava passando, in via Don Primo Mazzolari, nella zona orientale della Capitale. La signora, di origini calabresi, è stata centrata alla schiena: la corsa in ospedale nel tentativo di salvarle la vita. Ma le sue condizioni erano disperate: l’81enne si è spenta poco fa al Policlinico di Tor Vergata dove era stata ricoverata. La donna avrebbe perso troppo sangue in strada.

A quanto pare, il proiettile l'avrebbe raggiunta a un polmone, perforandolo. Una ferita fatale per una donna di 81 anni. Nella giornata di oggi, le condizioni della signora si sono aggravate, fino al tragico epilogo.
Il proiettile ha raggiunto Caterina mentre questa si trovava a bordo dell’auto di un’amica 63enne, rimasta, per fortuna, illesa. 

Roma, proiettile vagante colpisce una donna di 81 anni: Caterina non ce l'ha fatta

Da una prima ricostruzione, a sparare sarebbero stati i passeggeri di un’altra auto. Uno dei colpi, diretti verso una terza vettura, avrebbe raggiunto il portellone posteriore della Smart su cui si trovava la donna di 81 anni. Le forze dell’ordine sono al lavoro per ricostruire l’esatta dinamica della sparatoria, finita con una vittima del tutto estranea alla vicenda. Al momento, la polizia è sulle tracce degli esecutori materiali della sparatoria. Con il decesso dell'81enne, i responsabili dovranno rispondere del reato di omicidio.

Un episodio di far west in città, che riaccende, senza dubbio, il dibattito sulla sicurezza delle strade di Roma. Dove, proprio come accaduto a Caterina, si può morire senza sapere perché.

LEGGI ANCHE >>> La Sicilia prega per Sarah e Cristian, i fratellini di 3 e 7 anni accoltellati dal papà: ricoverati in terapia intensiva