Scialatielli con spigola limone e pecorino (1)

La ricetta della domenica: scialatielli con spigola, limone e pecorino. Napoli e Roma in un piatto colorato e saporito

Scialatielli con spigola, limone e pecorino, la ricetta proposta da Giovanni Castaldi e Lulù Gargari

Una collaborazione eccezionale, per un piatto da provare assolutamente. Stiamo parlando dello speciale featuring tra il food content creator campano, Giovanni Castaldi, e la resident chef Lulù Gargari, che hanno realizzato un piatto squisito: scialatielli con spigola, limone e pecorino. Un primo piano che mette insieme due tradizioni culinarie eccelse, quelle di due città regine: Napoli e Roma. Prima di illustrare il procedimento mostrato dai due esperti di cucina, passiamo velocemente in rassegna la lista degli ingredienti indicati. Castaldi e Gargari preparano in casa anche la pasta: per prepararla procuriamoci:

  • 400 grammi di semola di grano duro rimacinata
  • 50 grammi di uova (circa 1)
  • 175 grammi di latte intero
  • 30 grammi di pecorino grattugiato
  • 10 grammi di olio extravergine d’oliva

Per il condimento, invece:

  • 200 grammi di spigola pulita 8 a filetti circa 2)
  • 2 limoni belli se possibile con foglia
  • olio evo, sale e pepe q.b
  • 70 grammi di pecorino romano (gia grattugiato)
  • basilico fresco
  • 1 pezzo di pecorino romano da grattugiare a fine cottura

Passiamo al procedimento.

Scialatielli con spigola limone e pecorino (2)
Castaldo e Gargari in due passaggi della ricetta

Scialatielli con spigola, limone e pecorino: la ricetta del piatto che unisce le cucine di Napoli e Roma

Per prima cosa, versiamo in una ciotola tutti gli ingredienti necessari per gli scialatielli, e impastiamo il tutto prima aiutandoci con una forchetta, poi, quando diventa troppo difficile proseguire, continuiamo con le mani. Formiamo un panetto liscio, che faremo riposare per circa mezz'ora. Trascorso questo tempo, tendiamo bene la pasta, raggiungendo uno spessore di circa 5 millimetri.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GialloZafferano (@giallozafferano)

Arrotoliamo le sfoglie su se stesse, e formiamo gli scialatielli (“gli anelli che andrete a tagliare dovranno essere larghi circa 1 cm e lunghi 15 cm”, suggeriscono gli chef) che cuociamo in acqua bollente per circa 4-5 minuti, e ripassiamo in padella con il sughetto. Mantecate gli scialatielli e serviteli caldi con basilico fresco pecorino e scorza di limone. Mentre la pasta riposa, ci possiamo dedicare al sughetto: tagliamo la spigola a dadini, e rosoliamo in padella con olio, sale e abbondante pepe. Sfumiamo con il succo di un limone e aggiungiamo anche la scorza grattugiata.