Gaza, il racconto dei 2 ostaggi liberati nella notte a Rafah: "Dove ci tenevano nascosti i terroristi di Hamas"

Gaza, il racconto dei 2 ostaggi liberati nella notte a Rafah: "Dove ci tenevano nascosti i terroristi di Hamas"

In una notte che ha mescolato speranza e tragedia, i 2 ostaggi israeliani liberati aa Rafah, nel Sud della Striscia di Gaza, segnano l'ultimo capitolo di una guerra che continua a straziare il cuore del Medio Oriente. 

Quando la notte cala su Gaza, non porta solo il buio ma anche storie di vita che si intrecciano in un complesso mosaico di conflitti e aspirazioni. La recente operazione di salvataggio compiuta dall'esercito israeliano, culminata nella liberazione di due cittadini tenuti in ostaggio, riaccende i riflettori su una terra intrisa di storia, dolore e continua lotta per la sopravvivenza. La tensione palpabile che permea ogni angolo di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, ci parla di un'esistenza costantemente sospesa tra speranza e disperazione. Questi momenti di crisi ci obbligano a riflettere sulla complessità delle dinamiche in gioco in questa regione tormentata.

Operazione israeliana a Rafah: liberati 2 ostaggi

L'azione temeraria dell'esercito israeliano, iniziata alle 2 di notte, che ha visto la liberazione di Fernando Simon Marman (60 anni) e Louis Har (70), rapiti da Hamas, illumina la determinazione di Israele nel proteggere i propri cittadini. Tuttavia, questa operazione ha anche lasciato dietro di sé un pesante tributo umano, con circa 100 vittime segnalate dal ministero della Sanità di Hamas. Un portavoce dell'esercito ha confermato che l'operazione di salvataggio degli ostaggi è stata accompagnata da raid aerei su Rafah "per consentire il disimpegno dei soldati".

"Ci tenevano rinchiusi nella casa di una famiglia", avrebbero raccontato i due ostaggi liberati prima di tornare dai propri cari. Un'affermazione che celerebbe un'accusa nei confronti di Hamas di usare i civili come scudi umani. I due ostaggi sono in buone condizioni di salute e sono stati trasportati in ospedale per ulteriori accertamenti. Nel frattempo, l'esercito israeliano ha spiegato alcuni dettagli dell'operazione. I soldati hanno fatto irruzione in un edificio nel cuore di Rafah e, dopo aver liberato gli ostaggi, li hanno difesi con i propri corpi durante la battaglia con i terroristi.

Il futuro della guerra tra Israele e Hamas

Netanyahu ha seguito in diretta l'operazione dal Centro di Comando di Israele. Il premier israeliano ha anche affermato che questa operazione è la dimostrazione che la liberazione degli ostaggi si può ottenere solo con una "pressione militare costante". Ciò fa intendere che Israele ha intenzione di continuare le operazioni militari a Rafah, la piccola cittadina al confine con l'Egitto dove sono ammassati migliaia di civili palestinesi. Proprio la sicurezza dei civili ha spinto il presidente Joe Biden ha chiedere al collega israeliano di assicurare l'incolumità delle popolazione palestinese prima di procedere con le operazioni.

Sembra, quindi, essere sempre più evidente la rottura tra il presidente statunitense e Netanyahu. La Turchia ha chiesto alla comunità internazionale di prendere le misure necessarie per fermare Israele. Le operazioni militari su Rafah, inoltre, potrebbero anche compromettere l'accordo per la liberazione dei circa 130 ostaggi ancora nelle mani di Hamas.

Gaza, il racconto dei 2 ostaggi liberati nella notte a Rafah: "Dove ci tenevano nascosti i terroristi di Hamas"
Benjamin Netanyahu vuole continuare a usare il pugno duro contro i terroristi di Hamas

LEGGI ANCHE: La Corte Internazionale di Giustizia dell'Aja bacchetta Israele: "Eviti il genocidio dei palestinesi a Gaza", la risposta di Netanyahu è furiosa