Avanti Popolo: il nuovo programma di Nunzia De Girolamo ha una sigla speciale

Nunzia De Girolamo, la sigla del nuovo programma è di un cantante famosissimo

Tutto pronto per Avanti Popolo, il nuovo programma di Nunzia De Girolamo, che andrà in onda ogni martedì in prima serata, dopo Un Posto al Sole, a partire dal 3 ottobre. Dunque, il nuovo format della nota conduttrice prevedrà anche la presenza di alcuni ospiti fissi: in lizza ci sono il direttore del Fatto Quotidiano Peter Gomez e la giornalista del Corriere della Sera Candida Morvillo. Quindi, ciò che sorprende in queste ore è certamente la scelta della sigla, che sembra sia stata affidata a un cantante famosissimo, con un passato come vincitore del Festival di Sanremo.

Nunzia De Girolamo: chi canterà la sigla di Avanti Popolo

A svelare questo rumor c'ha pensato Davide Maggio, che attraverso un tweet sulla piattaforma di Elon Musk ha annunciato il cantante della sigla di Avanti Popolo, il nuovo programma di Nunzia De Girolamo.

Sarà Francesco Gabbani, 41 anni, vincitore per ben due volte del Festival di Sanremo, il cantante della sigla di Avanti Popolo. Il titolo della sigla è Amen, presentata tra i “Giovani” nelle “Nuove Proposte” del Festival di Sanremo 2016, scritta a quattro mani con Fabio Ilacqua. 

Il testo di Amen

Nunzia De Girolamo sceglie Amen per il suo nuovo programma Avanti Popolo. Ecco il testo della nuova sigla voluta da Nunzia De Girolamo:

Alla porta i barbari, nascondi provviste e spiccioli
sotto la coda, sotto la coda, sotto la coda.
E i trafficanti d’organi, e le razzie dei vandali
sono di moda, sono di moda, sono di moda.

Un visionario mistico all’università
mi disse l’utopia ci salverà.
Astemi in coma etilico per l’infelicità
la messa ormai é finita figli, andate in pace
cala il vento, nessun dissenso, di nuovo tutto tace.

E allora avanti popolo
che spera in un miracolo
elaboriamo il lutto con un Amen.
Dal ricco in look ascetico, al povero di spirito
dimentichiamo tutto con un Amen.

Il portamento atletico, il trattamento estetico
sono di moda, sono di moda, sempre di moda.
Ho l’abito del monaco, la barba del filosofo
muovo la coda, muovo la coda, colpo di coda.
Gesù s’é fatto agnostico, i killer si convertono
qualcuno è già in odor di santità.
La folla in coda negli store dell’inutilità
l’offerta è già finita amici andate in pace
cala il vento, nessun dissenso, di nuovo tutto tace

E allora avanti popolo
che spera in un miracolo
elaboriamo il lutto con un Amen.
Dal ricco in look ascetico, al povero di spirito
dimentichiamo tutto con un Amen.

E l’uomo si addormentò e nel sogno creò il mondo
lì viveva in armonia con gli uccelli del cielo e i pesci del mare
la terra spontanea donava i suoi frutti in abbondanza
non v’era la guerra, la morte, la malattia, la sofferenza

poi si svegliò…

E allora avanti popolo
che spera in un miracolo
elaboriamo il lutto con un Amen.
Dal ricco in look ascetico, al povero di spirito
dimentichiamo tutto con un Amen

Il video

LEGGI ANCHE>>> Belve, annunciato il prossimo ospite di Francesca Fagnani: "Ne vedremo delle belle"