Norvegia, influencer italiano assaggia la carbonara del ristorante da 16 euro: la sua reazione è inequivocabile

Norvegia, influencer italiano assaggia la carbonara del ristorante da 16 euro: la sua reazione è inequivocabile

L'influencer Piero Armenti, durante un viaggio in Norvegia, ha avuto il coraggio di assaggiare la carbonara locale: la sua reazione la dice lunga.

La carbonara è, probabilmente, il piatto della cucina italiana più famoso al mondo. Praticamente dappertutto, all'estero, cercano di imitare questo capolavoro della gastronomia romana. La carbonara è un piatto relativamente semplice, con ingredienti poveri, che, però, ha una ricetta molto poco flessibile e fortemente radicata nella tradizione. Ovviamente, sono accettate delle variazioni: alcuni usano il parmigiano al posto del pecorino, altri usano solo i tuorli delle uova e altri ancora la pancetta al posto del guanciale.

Tuttavia, all'estero combinano dei pasticci che non hanno a che fare assolutamente nulla con la carbonara italiana. L'ultima di queste testimonianze di come la carbonara venga storpiata all'estero ci arriva dalla Norvegia. Qui, l'influencer Piero Armenti, autore della pagina Il mio viaggio a New York, ha avuto il coraggio di assaggiare questo piatto tipico della tradizione culinaria italiana in un ristorante della città di Tromsø specializzato, appunto, nella pasta.

Norvegia, influencer italiano assaggia la carbonara del ristorante da 16 euro: la sua reazione è inequivocabile
Piero Armenti assaggia la carbonara in Norvegia

Carbonara in Norvegia, la reazione dell'influencer

"Questo è un posto in cui fanno la pasta e son veramente curioso se è buona o non è buona come diceva il buon Checco Zalone nel suo film", afferma Piero Armenti con ironia mentre entra nel ristorante. Piero, quindi, si accomoda al tavolo e consulta il menù. Le paste offerte da questo ristorante sono diverse: ai funghi, alla carbonara, con gli scampi, alla diavola e alla bolognese. Ovviamente, non può mancare la lasagna. Piero, in ogni caso, ordina la carbonara.

Nell'attesa dell'ordinazione, Piero spiega come funziona il ristorante: è tutto automatizzato e si ordina semplicemente tramite QR-code. Quindi, dopo pochi minuti, arriva la tanto attesa carbonara. Sin da subito si nota la presenza di un ingrediente tabù quando si cucina questo piatto: la panna. In ogni caso, Piero, spinto dalla curiosità, arrotola una forchettata di spaghetti e assaggia. La sua faccia è palesemente disgustata. "Ma che è? La pasta è squagliata, è proprio molle", afferma Piero. Poi, dopo averne assaggiato ancora, rileva che non riesce a capire che ingredienti ci sono perché non sa di niente. "Sono un po' deluso, la mangio per fame ma questa non ha nulla della carbonara", spiega l'influencer. Piero, comunque, non riesce a mangiarla tutta e se ne va amareggiato dal ristorante. Inoltre, si lascia andare anche a uno sfogo e non si rende capace del perché non assumano cuochi italiani a lavorare in questi ristoranti specializzati in pasta e pizza. "Non la fate la pasta, se non la sapete fare, fate le zuppe", conclude Piero arrabbiato. E tu, sei d'accordo con l'influencer?

LEGGI ANCHE: Roma, mostra lo scontrino della trattoria: "Quanto ho pagato un'eccellente carbonara"