Barrette multicereali ritirate

Barrette ai cereali, ritirati lotti di un noto marchio italiano: "Presenza di infestanti", scatta l'allerta del Ministero

Il Ministero della Salute ha emanato un nuovo comunicato riguardante il ritiro dagli scaffali dei supermercati di alcuni lotti di barrette multicereali di un noto marchio italiano. "Presenza di infestanti, riportare il prodotto in negozio".

Nuovo avviso di richiamo alimentare diramato nel pomeriggio di mercoledì 6 marzo 2024 dal Ministero della Salute. L'allerta diffusa poco fa riguarda delle barrette comunemente in vendita nei supermercati italiani. Il prodotto è stato ritirato dal commercio per rischio microbiologico, tra i motivi per cui gli operatori del settore alimentari sono tenuti a richiamare i prodotti dal commercio e informare tempestivamente il Ministero della Salute, che procede a comunicare il tale richiamo ai cittadini. Le aziende sono anche tenute ad informare direttamente i consumatori a proposito di eventuali ritiri di alimenti dal commercio esponendo apposita cartellonistica nei punti vendita.

Come si legge nel comunicato risalente al 5 marzo ma diramato quest'oggi, il ritiro dal mercato riguarda delle barrette multicereali. Le barrette sono vendute con marchio CerealItalia e prodotte nello stabilimento di CerealItalia I.D. S.p.A. sito in Contrada Taverna di Annibale, Lotti 16-17 - 83040 Frigento (AC). In particolare, oggetto del ritiro sono i lotti L23150 (data di scadenza 30 maggio 2024) e L23236 (data di scadenza 24 agosto 2024) contenente confezioni da 126 grammi (6pz x 21g). Le confezioni sottoposte a richiamo sono quelle di barrette multicereali nei gusti "classico" ed "extrafondente e cocco".

Barrette multicereali, il motivo del ritiro dal commercio

Comunicato del Ministero della Salute
Barrette ritirate: il comunicato del Ministero della Salute

Le barrette multicereali prodotte da CerealiItalia sono state richiamate per sospetta presenza di infestanti. Tra le avvertenze da parte del Ministero della Salute, si legge del comunicato pubblicato quest'oggi, c'è quella per i consumatori che hanno acquistato confezioni appartenenti ai lotti indicati di non consumare il prodotto. È anche presente l'invito a riportare le confezioni possedute nel punto vendita di acquisto. Ulteriori informazioni saranno poi fornite dal negoziante.

Il Ministero della Salute, nel comunicato, non ha fornito ulteriori dettagli circa la sospetta presenza di infestanti nelle barrette multicereali sottoposte a richiamo. Il dicastero monitora costantemente il processo produttivo alimentare al fine di tutelare la salute pubblica e quella dei singoli cittadini. Le eventuali non conformità riscontrate dalle aziende operanti nel settore nei propri prodotti vengono comunicate tempestivamente, in modo da dare la possibilità alle autorità preposte di intervenire entro il più breve tempo possibile. Sul sito web dello stesso Ministero si possono trovare ulteriori informazioni a proposito degli avvisi di richiamo di prodotti alimentari.

LEGGI ANCHE: Patatine in busta, maxi ritiro dai supermercati. L'allerta del Ministero della Salute: "Rischio chimico"