Turisti italiani salpano con la crociera per visitare New York: "Così la nostra vacanza si è trasformata in un incubo"

Turisti italiani salpano con la crociera per visitare New York: "Così la nostra vacanza si è trasformata in un incubo"

Tiziana e il marito hanno denunciato la crociera da incubo: perché non hanno incoronato il sogno di visitare New York.

Navigare attraverso le acque cristalline, scoprire destinazioni esotiche senza dover rifare la valigia ogni giorno, godere di intrattenimenti e cene gourmet sotto le stelle: il mondo delle crociere promette tutto questo, offrendo una modalità di viaggio che combina lusso, avventura e relax. Le crociere rappresentano per molti l'epitome della vacanza perfetta, dove ogni dettaglio è curato per garantire un'esperienza senza pensieri, tra le comodità di una "casa galleggiante" e le meraviglie di nuovi orizzonti da esplorare ogni mattina.

Tuttavia, come ogni medaglia ha il suo rovescio, anche le crociere nascondono le loro insidie, trasformandosi talvolta da sogno a incubo in un attimo. Gli svantaggi? Dalle intemperie che possono scuotere anche il più maestoso dei transatlantici, alle emergenze sanitarie che mettono a dura prova l'organizzazione e la sicurezza a bordo, fino alle esperienze negative che possono derivare da un servizio non all'altezza delle aspettative. In questo articolo, vi racconteremo la storia di due turisti italiani che, attratti dal canto delle sirene delle crociere, si sono imbattuti in un viaggio che ha assunto i contorni di un vero e proprio incubo.

Crociera da incubo: niente escursione a New York

Tiziana e il marito hanno denunciato la crociera da incubo sul sito dell'Unione Nazionale Consumatori con la speranza di ricevere aiuto. I due turisti sono salpati il settembre scorso a bordo di una nave da crociera per incorare il loro sogno: visitare New York. Passeggiare per le strade della Grande Mela è sempre stato un obiettivo per questa coppia di sposi ma, purtroppo, nonostante la crociera scelta appositamente, le cose sono andate diversamente.

La crociera ha fatto tappa in diverse città portuali degli Stati Uniti e del Canada. Una volta giunti a New York, Tiziana e il marito fanno per scendere dalla nave, ma vengono bloccati. "Mi dispiace, non avete prenotato l'escursione a New York", gli rispondono i dipendenti della nave da crociera. Tiziana e il marito non credono a ciò che hanno sentito poiché sono sicuri di aver fatto l'acquisto e hanno i documenti per dimostrarlo. Morale della favola: niente escursione a New York. La delusione di Tiziana e il marito è alle stelle. Oltre a questo grande inconveniente, tanti altri piccoli problemi hanno contribuito a rendere la loro crociera da sogno in un vero e proprio incubo. Tiziana e il marito hanno anche contattato la compagnia ma non c'è stato niente da fare. L'Unione Nazionale Consumatori è, quindi, la loro ultima spiaggia.

Turisti italiani salpano con la crociera per visitare New York: "Così la nostra vacanza si è trasformata in un incubo"
Il reclamo di Tiziana inviato all'Unione Nazionale Consumatori

LEGGI ANCHE: Egitto, turisti italiani denunciano la vacanza da incubo: "Mia moglie ha pianto tutto il tempo, in che condizioni era il resort"