Riceve una bolletta del gas esagerata, la denuncia: "Rincari mai comunicati: quanto mi chiedono di pagare"

bolletta del gas (2)

Rincari nella bolletta del gas, sui social continuano le denunce dei cittadini, sorpresi dalle cifre esagerate delle loro utenze. 

Un inizio anno davvero difficile per i consumatori, alle prese, tra la fine di gennaio e il mese corrente, con delle salatissime bollette del gas. Un tema di cui vi stiamo parlando in questi giorni, dando voce, soprattutto, al cittadino. Gli esperti della tutela del consumatore avevano già avvisato gli italiani: per questo 2024, tocca aspettarci dei rincari niente male. Non solo nel carrello della spesa, non solo con le assicurazioni dei nostri veicoli, non solo con i conti correnti bancari, e nemmeno solo per i gestori di telefonia fissa e mobile. Rincari praticamente ovunque, e i più minacciosi sono, finora, quelli che riguardano le utenze. “Per luce e gas, il rincaro medio andrà probabilmente dal 20 al 38%, con l'Iva reintrodotta in pieno. Addio al vecchio e caro 5%: da oggi si torna al 22%. In più, gli oneri di sistema non saranno più a zero. 

Vi stiamo raccontando le testimonianze e le segnalazioni che arrivano da tutta Italia, di cittadini e cittadine inviperiti per le somme a tre e addirittura anche a quattro cifre che stanno leggendo sulle bollette recapitate al loro indirizzo. Spese gonfiate, a fronte di comunicazioni che quasi tutti affermano di non avere mai ricevuto.
"Questa è stata l'ultima bolletta: da aprile dell'anno scorso si è passati da 0.53 al metro cubo di gas a 2.43 (circa). Io non ho ricevuto nessuna lettera di modifica del contratto (probabilmente a causa di posta inefficiente), però cosa posso fare per non dover pagare una bolletta del genere?". Questa la domanda posta da un cittadino su Facebook, che mostra la bolletta che gli è appena arrivata a casa: 2.515,20 euro. Una cifra da capogiro.

bolletta del gas (1)

Bolletta del gas più salata che mai, i commenti dei cittadini: "Devono restituirci i soldi"

La bolletta del gas in questione fa riferimento ai mesi di novembre e dicembre 2023. "Ma la comunicazione doveva arrivare tramite lettera? A me non è arrivato nulla. E mi sono ritrovata con una tariffa di 2.43 € a fronte di 0.22 cent dell'offerta precedente. Una truffa!", commenta una cittadina. "Siamo tutti nella solita situazione, e se chiami ti dicono che te l’hanno inviata. Ma io non ho assolutamente nessuna e-mail tantomeno ho ricevuto una lettera in posta al riguardo", risponde una seconda utente.
Il post ha generato in poche ore decine di interazioni, tra like, commenti e condivisioni. "Devono restituirci i soldi che  ci hanno rubato! Dov'è la legge? Chi tutela i cittadini?".