Parigi, torna in Italia dalla vacanza e il proprietario dell'appartamento gli chiede 5.000 euro di rimborso: "Di cosa mi accusa"

Parigi, torna in Italia dalla vacanza e il proprietario dell'appartamento gli chiede 5.000 euro di rimborso: "Di cosa mi accusa"

Un turista italiano di ritorno da Parigi ha ricevuto una spiacevole sorpresa: perché il proprietario dell'appartamento che ha affittato vuole 5.000 euro di rimborso.

Parigi, la Ville Lumière, è una città che fa sognare con la sua eleganza senza tempo, le strade acciottolate che raccontano storie d'amore e i monumenti che si ergono come testimoni di una storia gloriosa. Ma dietro le luci scintillanti della Tour Eiffel e il fascino bohémien di Montmartre, si nasconde una realtà meno romantica, quella dell'elevato costo della vita e delle vacanze per i turisti. Parigi non è solo la capitale della moda e dell'arte, ma anche una delle città più care al mondo, dove ogni sogno ha un prezzo. In questo contesto, la disavventura di un turista italiano a Parigi prende una piega inaspettata.

Questo turista, attratto dalla bellezza e dal fascino parigino, si è trovato a dover fronteggiare una situazione tanto surreale quanto costosa: restituire 5.000 euro al proprietario dell'appartamento affittato per la vacanza. Ma come si è arrivati a questo punto? Francesco, è questo il nome del protagonista di questa storia, ha svelato tutti i dettagli sul sito dell'Unione Nazionale Consumatori nella speranza di essere tutelato.

Il rimborso per l'appartamento a Parigi: la disavventura del turista italiano

La spiacevole notizia per Francesco è arrivata quando lui era già tornato in Italia. Pochi giorni dopo il rientro, infatti, ha ricevuto la richiesta di rimborso di 5.000 euro da parte del proprietario dell'appartamento fittato tramite una piattaforma online. Il motivo? Francesco avrebbe rovinato il parquet della casa. I soldi, quindi, servirebbero proprio a riparare i danni. Francesco, però, è sicuro della sua innocenza e, inoltre, contesta anche le prove fornite dal proprietario. Infatti, secondo la sua versione dei fatti, le immagini mostrerebbero solo dei piccoli graffi. Il preventivo per riparare il parquet, quindi, sarebbe spropositato.

Francesco ha spiegato come il supporto della piattaforma abbia ascoltato la sua versione per concludere, però, che la ragione è dalla parte del proprietario poiché la sua documentazione è più valida. Disperato, quindi, Francesco si è rivolto all'Unione Nazionale Consumatori. Lo sfortunato turista, però, ha anche appellato la decisione della piattaforma ed è ora in attesa di risposta. "Come faccio a tutelarmi?", chiede Francesco. Insomma, quando si va in vacanza e si fitta un appartamento, bisogna sempre prendere tutte le precauzioni. Forse, per evitare tutti questi problemi, Francesco avrebbe potuto fotografare l'appartamento prima di tornare in Italia. In ogni caso, non è ancora detto che sarà obbligato a pagare. Può essere che la piattaforma riveda il caso e decida di ribaltare la decisione presa in precedenza. E a voi, è mai capitata una situazione del genere?

Parigi, fitta un appartamento e quando torna in Italia il proprietario gli chiede 5.000 euro di rimborso: "Di cosa mi accusa"
Il reclamo di Francesco sul sito dell'Unione Nazionale Consumatori

LEGGI ANCHE: Parigi, va al ristorante e mostra lo scontrino: "Quanto ho pagato 2 bottiglie di acqua minerale"