"Non ci ho pensato due volte. Del Piero? Il mio idolo", Zaccagni racconta il gol del miracolo

"Non ci ho pensato due volte. Del Piero? Il mio idolo", Zaccagni racconta il gol del miracolo

Mattia Zaccagni, autore del gol che all'ultimo minuto ha regalato all'Italia la qualificazione agli Ottavi di Finale, ha raccontato alla UEFA le emozioni provate in quel momento. Non è mancato un commento sulla partita di sabato contro la Svizzera e il tabellone degli azzurri.

Il gol di Mattia Zaccagni all'ultimo minuti di Italia - Croazia ha permesso agli azzurri di strappare il ticket per gli Ottavi di Finale di Euro2024. Un tiro da vero campione, a giro, imparabile per il portiere ha fatto esplodere di gioia l'Italia intera. Un gol che ricorda la rete di Alex Del Piero in Italia - Germania del 2006 che ci permise di 'andare a Berlino' per la finale contro la Francia. Mattia Zaccagni, raggiunto dai microfoni della UEFA, ha parlato proprio del rapporto con la bandiera juventina. Per Zaccagni Del Piero è un 'idolo' anche se l'ala sinistra della nazionale racconta di averlo conosciuto solo qualche giorno fa.

Zaccagni ha ricordato anche le emozioni vissute durante e dopo l'azione decisiva. "Non mi ero nemmeno reso conto che fosse l’ultima azione della partita", ha spiegato. Quando Calafiori gli ha servito la palla sui piedi, Zaccagni non ci ha pensato due volte e ha calciato in maniera del tutto naturale. Poi, c'è stata l'esultanza con tutta la panchina e qualcuno di anche 'fatto male alla costola' per la foga. Anche questa volta, il gol alla Del Piero allo scadere ci fa 'andare a Berlino'. Agli Ottavi di Finali di Euro2024 sfideremo la Svizzera.

"Non ci ho pensato due volte. Del Piero? Il mio idolo", Zaccagni racconta il gol del miracolo
Zaccagni firma autografi per i tifosi azzurri. Instagram / @azzurri

Zaccagni dopo il gol: "La Svizzera? Dovremo fare una grande gara per metterli in difficoltà"

Mattia Zaccagni, quindi, ha anche parlato della prossima sfida contro gli elvetici che verrà disputata sabato prossimo alle ore 18 all'Olympiastadion. "E' una squadra tosta, una squadra preparata", ha affermato. Poi, ha rivelato che gli azzurri hanno già visionato molti video della Svizzera e conoscono il loro modo di giocare. In questo senso, l'asso nella manica sarà Calafiori. Il difensore azzurro non potrà giocare in quanto squalificato ma tre calciatori svizzeri giocano con lui nel Bologna e, quindi, potrà dispensare utili consigli ai suoi compagni.

Per quanto riguarda gli aspetti tecnici, Zaccagni preferirebbe un 4-3-3 o un 4-2-3-1 che ne esalta le sue capacità. Spalletti, dopo la delusione contro la Spagna, nella sfida contro la Croazia ha optato per il 3-5-2. Chissà cosa avrà in mente il tecnico per la sfida contro la Svizzera. Infine, arriva anche un messaggio per i tifosi azzurri: "Li ringrazio e spero che continuino a sostenerci come hanno fatto fino a adesso". Ora sarà di nuovo il campo a parlare. Appuntamento a sabato ore 18. Forza Italia!