"Sono stata allevata da cani randagi: cosa mi hanno insegnato", la triste e commovente storia di Malaya

"Sono stata allevata da cani randagi: cosa mi hanno insegnato", la triste e commovente storia di Oxana

Una vicenda che sembra uscire dalle pagine di un libro di avventure selvagge, ma che racconta la realtà vissuta da Oxana Malaya, una ragazza ucraina che ha trascorso gli anni formativi della sua infanzia in compagnia di cani randagi. La sua storia è un incredibile racconto di sopravvivenza, resilienza e l'inaspettata capacità di trovare conforto e famiglia al di fuori degli schemi umani tradizionali.

La vita di Oxana prende una piega inaspettata all'età di tre anni quando, a causa della negligenza dei genitori alcolizzati, si ritrova a cercare rifugio e calore presso dei cani randagi. Questo evento segna l'inizio di un'esistenza al margine della società umana, in cui i cani diventano la sua unica famiglia e i loro comportamenti le uniche abitudini da imitare e apprendere. La storia di Malaya non è solo un racconto di sopravvivenza estrema, ma pone anche interrogativi profondi sull'essenza dell'umanità, sulla capacità di adattamento e sulle incredibili vie di comunicazione che possono stabilirsi tra esseri viventi di specie diverse.

Cosa ha imparato Oxana dai cani randagi

La vita al fianco dei cani ha impresso in Oxana comportamenti e modi di essere che, agli occhi della società, la rendevano più simile ad un animale che ad un essere umano. Oxana ha imparato a camminare sulle quattro zampe come i cani. Quando vede dell'acqua, caccia la lingua fuori proprio come i suoi amici a quattro zampe. "Io gli parlavo, loro abbaiavano e io rispondevo, così comunicavamo", ha raccontato al canale australiano 60 Minutes Australia che l'ha intervistata. Malaya dai cani randagi ha imparato anche a leccarsi per lavare via lo sporco dal corpo, a rovistare nella spazzatura e mangiare carne cruda. La sua storia mette in luce le dinamiche di esclusione e di difficoltà di reintegrazione per coloro che, come lei, hanno vissuto esperienze ai confini dell'umanità.

"Sono stata allevata da cani randagi: cosa mi hanno insegnato", la triste e commovente storia di Malaya
Oxana racconta la sua infanzia con i cani randagi al canale australiano

La sua abilità di imitare i suoni e i comportamenti dei suoi compagni canini testimonia una forma di empatia e di intelligenza emotiva che sfida le nostre concezioni più radicate. L'intervento delle autorità, che l'ha portata via dal suo ambiente naturale a nove anni, non ha segnato la fine delle sue sfide. I 6 anni vissuti con i cani randagi l'hanno segnata a vita. La difficoltà di adattarsi a un mondo umano, per cui non era preparata, racconta di un percorso di riabilitazione complesso, in cui il recupero delle abilità comunicative rappresenta solo uno degli ostacoli da superare. Oggi Malaya ha 40 anni e, per esempio, non imparerà mai a scrivere. Per fortuna, però, la sua vita sta tornando pian piano alla normalità

Lezioni di vita da un'infanzia inusuale

La storia di Oxana è un invito a guardare oltre le apparenze, a riconoscere il valore dell'empatia e della capacità di adattamento in situazioni di estrema difficoltà. Questa vicenda, con il suo epilogo segnato da un tentativo di ritrovare un posto nel mondo umano, pone domande scomode ma necessarie sulla nostra società, sui meccanismi di esclusione e sulle possibilità di recupero e di accoglienza. La sua è una storia che, pur nelle sue specificità estreme, invita a riflettere su temi universali di appartenenza, identità e capacità di superare le divisioni apparentemente insormontabili tra mondi diversi.

LEGGI ANCHE: Ecco che aspetto avrebbe il cane di ogni regione d'Italia secondo l'Intelligenza Artificiale