Marzo fragole

Marzo tempo di fragole, la ricetta della marmellata: con il trucco del cucchiaino non sbaglierete più

A marzo arriva finalmente la primavera, ed è tempo di fragole. Qui vi spieghiamo come conservarle e come fare la marmellata perfetta evitando disastri in cucina. 

Belle, rosse, profumate e golose le fragole a marzo abbondano nei cestini, in bella vista al mercato della frutta. Grazie al loro sapore e al loro profumo fanno gola a grandi e bambini. Spesso, però, deperiscono o non si conservano nel modo corretto. Se volete conservarle nel modo giusto e se per caso ne avete tante da consumare, vi spieghiamo qui tutto ciò di cui avete bisogno.

Prima, però, una piccola curiosità: lo sapete che la fragola non è veramente un frutto? La parte commestibile è, a dire il vero, un falso frutto che viene chiamato infruttescenza, formato da numerosi piccoli semi (quelli sono i veri frutti) situati sulla superficie esterna di ciò che comunemente chiamiamo "fragola".

Ma a marzo e nei mesi seguenti, come si devono conservare le fragole?

A marzo le fragole sono molto delicate e devono essere conservate correttamente per mantenerle fresche il più a lungo possibile. Quante volte vi sarà capitato di trovare della muffa, soprattutto in quelle poste sul fondo del cestino? Un peccato davvero. Ed è per questo che, una volta comprate, devono essere conservate nel frigorifero e, comunque, consumate nel giro di qualche giorno.

Marzo fragole

 

Vi consigliamo di asciugarle per eliminare l'eccesso di umidità, ma non vanno assolutamente lavate, e poi di metterle in un contenitore adatto agli alimenti, magari distanziandole un po'. Le fragole sono buone ugualmente, ma, certo, sono fondamentali per ingolosire dolci e creme.

Se, però, ne avete comprate troppe o ve ne hanno regalate in grandi quantità, perché non fare una buona marmellata? Per realizzarla vi occorreranno 1 kg di fragole mature, 600 g di zucchero e il succo di un limone. Nulla più! Per realizzare la marmellata di fragole bisogna innanzitutto lavare le fragole sotto l'acqua corrente, rimuovere il picciolo verde e tagliarle a pezzetti.
A questo punto, mettetele in un contenitore capiente con lo zucchero e il limone, e fate riposare per almeno un'ora. Trasferite il tutto in una pentola e portate a bollore, quindi abbassate la fiamma e fate cuocere per circa 30-40 minuti mescolando spesso e tenendo il fuoco basso. Per capire se la marmellata è pronta, prelevane una quantità piccola con il cucchiaino e metterla su di un piattino inclinato: se scorre in maniera molto lenta, è pronta!

Trasferite ora la marmellata nei vasetti già sterilizzati, tappate e mettete i contenitori capovolti per 30 minuti, in modo che si crei il sottovuoto. La marmellata di fragole fatta in questo modo si conserva per 4 mesi, ma essendo senza conservanti, una volta aperta va consumata nel giro di una settimana.

LEGGI ANCHE: Quando metti il cibo in frigorifero non fare questo errore, l'avvertimento di un'esperta su tik tok