BAFTA

BAFTA: Oppenheimer trionfa e Michael J Fox commuove dopo la malattia

Gli appena conclusi BAFTA (British Academy Film Awards) hanno commosso ed entusiasmato il pubblico mondiale; premiato Oppenheimer e Micheal J Fox ha toccato il pubblico con la sua apparizione. 

Si sono appena conclusi i BAFTA; la manifestazione britannica che ogni anno premia le migliori rappresentazioni cinematografiche. L'evento si è svolto lo scorso 18 febbraio alla Royal Festival Hall di Londra ed ha visto sfilare, sul tappeto rosso e sul palco, moltissimi artisti di fama internazionale (presente anche il principe William, alla sua prima apparizione senza Kate Middelton, qui il nostro articolo che parla dell'ultima news reale).

I BAFTA rappresentano un evento di spessore artistico e comunicativo molto importante per la comunità inglese; permette infatti di promuovere l'eccezionalità e l'eccellenza nel campo dell'intrattenimento e quest'anno la manifestazione non è stata da "meno" ed il regista inglese Christopher Nolan incassa sette premi per il suo Oppenheimer. Il film (basato sulla biografia Robert Oppenheimer, il padre della bomba atomica di Kai Bird e Martin J. Sherwin) racconta la storia degli studi di Oppenheimer e sulla sua direzione del progetto Manhattan durante i tragici e mai dimenticati eventi della seconda guerra mondiale.

Pensare che il fulcro principale della storia sia il progetto è un errore, a fare da colonna portante infatti è il tormento emotivo del suo creatore ed il suo martirio interiore nei riguardi della sua stessa scoperta scientifica, straordinaria e terribile allo stesso tempo. Questo non è assolutamente sfuggito ai giudici ed Oppenheimer ha portato a casa un bottino di premi piuttosto considerevole; tra i premiati anche Chillian Murphy che ha vestito i panni del tormentato protagonista. Ogni premio ricevuto ha scatenato il visibilio del pubblico che, in completo accordo con la decisione dei giudici, si prodigava in applausi continui per l'incetta di statuette.

BAFTA: Michael K Fox commuove il pubblico

Non sono mancati gli eventi toccanti e quello che resterà impresso nella memoria di tutti è, senza ombra di dubbio, l'apparizione di Michael K Fox, il quale ha commosso gli spettatori fino alle lacrime. L'attore (62 anni) lotta contro il Parkinson dal 1991 ed è salito sul palco in sedia a rotelle per annunciare proprio la vittoria di Oppenheimer come miglior film. L'artista (celebre per i film di Ritorno al Futuro) si è guadagnato una standing ovation dalle star presenti in sala, tra cui  Margot Robbie (Barbie), Bradley Cooper (A Star is Born) e Barry Keoghan (Saltburn).

La leggendaria star del cinema non ha nascosto la propria emozione quando, alzatosi dalla sedia a rotelle, ha raggiunto il podio per annunciare il vincitore, visibilmente commosso e toccato dalla reazione del pubblico in sala e da casa il quale, tramite social, ha espresso la medesima commozione, indicando l'attore come "icona" e "fonte di ispirazione per forza e tenacia".

BAFTA
Michael K Fox alla premiazione dei BAFTA 2024

Insomma, l'evento è stato saturo di avvenimenti che segneranno, senza alcuna ombra di dubbio, la storia di questo premio arrivato alla sua settantasettesima edizione. Impossibile non citare tra i premiati anche Emma Stone "Povere Creature" (miglior attrice protagonista) e  Da'Vine Joy Randolph "The Holdovers" ( miglior attrice non protagonista), ma i BAFTA in sé hanno regalato emozioni uniche agli spettatori, spianando la strada agli Oscar dell'ormai prossimo 11 marzo.

LEGGI ANCHE >Màkari 3, italiani critici contro la fiction Rai: perché non piace a tutti