Venezia: turista tedesca ritrova la borsa che aveva smarrito, la sua reazione quando lo ritrova dice tutto

venezia turista

Venezia, la reazione di questa turista di origini tedesche quando le viene restituita la borsa che aveva perso

Com'è bello quando ritroviamo qualcosa che credevamo di aver perduto per sempre. La gioia intensa del riprendere possesso di un oggetto che rappresenta, per noi, qualcosa di molto importante, in quanto carico di significati simbolici, e di ricordi. Questa gioia deriva spesso dall'attaccamento emotivo all'oggetto e dalla capacità che ha di evocare sensazioni preziose. Il ritrovamento di un oggetto significativo può rinnovare i legami emotivi con il passato, riflettendo l'importanza che gli oggetti possono avere nella nostra sfera emotiva e affettiva.

Non semplice attaccamento materialistico, ma il sollievo che ci dà lo stringere, il portare con noi, vicino al cuore, qualcosa che ci ricorda chi siamo, e da dove veniamo. Lo sa bene la turista di origini tedesche che aveva smarrito una borsa su un mezzo pubblico a Venezia, e, in preda alla tristezza, aveva denunciato la sua perdita alle forze dell'ordine, nella speranza, seppur remota, di ritrovare quella borsa. Al cui interno c'era qualcosa di troppo prezioso per lei: le foto dei suoi figli.

Venezia, turista tedesca ritrova la borsa con le foto dei figli: tutta la felicità di una mamma  

Con suo sommo sollievo, la borsa è stata ritrovata e restituita a chi di dovere, per poi tornare a lei. La reazione della donna dice tutto di quanto questo ritrovamento l'abbia fatta felice: la donna è scoppiata in un pianto liberatorio di gioia quando le è stato comunicato il ritrovamento della sua borsa. I volti sorridenti dei figli: un tesoro inestimabile, che perdere avrebbe rappresentato un colpo troppo duro da sopportare.

Lo smarrimento di oggetti è una circostanza assai frequente in città come Venezia, vero e proprio museo a cielo aperto che ogni giorno è visitato da un numero altissimo di visitatori provenienti da tutto il mondo.
Recentemente, il personale dei battelli e degli autobus del capoluogo veneto, hanno stilato un bilancio degli oggetti ritrovati. Arrivando alla sorprendente somma di 2.926 effetti personali. Il 62% dei quali tornano ai legittimi proprietari.

venezia turista (1)

Tra gli oggetti più comunemente smarriti, ai primi posti ci sono trolley e valigie (631 casi). A seguire, cellulari (311 casi), portafogli (282), chiavi (158), passaporti e documenti (110). E poi un grande classico: occhiali da sole e da vista (108).
Un'altra bella storia a lieto fine, quella dello zaino nero smarrito a bordo di un battello da una coppia arrivata a Venezia dal Brasile. Dentro, oltre a vestiti e notebook, i passaporti per rimpatriare. Grazie al personale addetto, la vacanza dei due turisti si è conclusa nel migliore dei modi. E sono anche riusciti a non perdere il volo di ritorno!

LEGGI ANCHE >>> India, turista italiano spiega un macabro dettaglio del lavoro dei tatuatori di strada: "Cosa fanno con l'ago, sono rimasto scioccato"