Ragazza trova annuncio di lavoro come baby sitter ma lo stipendio la indigna: "Quanto mi vogliono dare all'ora, che tristezza!"

Ragazza trova annuncio di lavoro come baby sitter ma lo stipendio la indigna: "Quanto mi vogliono dare all'ora, che tristezza!"

Una signora ha denunciato un assurdo annuncio di lavoro per baby sitter: la stipendio proposto alla donna è da mani nei capelli.

In un mondo dove crescere i figli è sempre più complesso, la figura della baby sitter emerge come una silenziosa protagonista nella vita di molte famiglie. Questo ruolo, spesso sottovalutato e poco riconosciuto, nasconde una complessità e una responsabilità enormi. Una baby sitter non si limita a "guardare" i bambini; è custode della loro sicurezza, promotrice del loro sviluppo e, talvolta, un punto di riferimento affettivo. Dai giochi educativi alla gestione delle crisi emotive, passando per la preparazione dei pasti e il rispetto delle routine quotidiane, i compiti di una baby sitter sono tanti e difficili.

Nonostante l'importanza cruciale di questo ruolo, la realtà è che il lavoro di baby sitter viene spesso percepito come un'occupazione di "secondo livello", con una retribuzione che non sempre riflette l'importanza delle sue responsabilità. Recentemente, un annuncio per baby sitter ha acceso i riflettori su questa problematica, offrendo una paga oraria che rasenta lo sfruttamento.  Questo annuncio ha sollevato interrogativi e dibattiti: come può un lavoro così fondamentale essere così poco valorizzato? Quali sono le sfide e le difficoltà che i baby sitter affrontano quotidianamente? E, soprattutto, quali conseguenze può avere questa sottostima sul benessere dei bambini stessi?

Annuncio di lavoro choc: lo stipendio offerto alla baby sitter

Nadia, è questo il nome della protagonista di questa storia, è alla ricerca di lavoro. Navigando sul web, ha incontrato un annuncio di lavoro assurdo che l'ha indignata. Una famiglia sta cercando una baby sitter per la bambina. La tata dovrebbe lavorare 8 ore al giorno per 6 giorni su 7. Ovvero, un totale di 192 ore al mese. La paga offerta? Appena 500 euro al mese. Facendo un rapido calcolo, scopriamo che la famiglia è disposta a pagare la baby sitter appena 2,50 euro all'ora. Vero e proprio sfruttamento: non ci sono altri mezzi termini per definire questa situazione.

"E l'annuncio ha già una marea di candidate", ha denunciato Nadia. La donna, però, si è anche messa nei panni della madre della bambina "che magari guadagna poco". "Questo accade perché siamo in Italia e le mamme lavoratrici non vengono supportate nel giusto modo", si è sfogata Nadia. In ogni caso, accettare un lavoro del genere significa di fatto diventare schiavi della famiglia e non avere più una vita privata, vista l'enorme quantità di tempo da dover trascorrere con la bambina. E poi, con uno stipendio del genere come si può svolgere con la dovuta dedizione il proprio lavoro?

Ragazza trova annuncio di lavoro come baby sitter ma lo stipendio la indigna: "Quanto mi vogliono dare all'ora, che tristezza!"
Lo sfogo di Nadia sui social

LEGGI ANCHE: Catania, è alla ricerca di un dipendente a lungo termine ma il candidato denuncia: "Con questo stipendio è normale che non resta nessuno"