Roma, viaggio nella ASL del degrado: tra case abusive e disservizi un dettaglio inorridisce le madri che portano i bambini a vaccinare

Roma, viaggio nella ASL del degrado: tra case abusive e disservizi un dettaglio inorridisce le madri che portano i bambini a vaccinarsi

Un servizio andato in onda a Prima di domani ha svelato il degrado di una ASL di Roma: il dettaglio che sconvolge più di tutti.

Nel cuore di Roma, una città conosciuta in tutto il mondo per la sua storia e bellezza, si nasconde una realtà meno gloriosa: lo stato di degrado di una delle sue ASL (Aziende Sanitarie Locali). Questo non è solo il racconto di un edificio trascurato, ma il simbolo di una crisi più ampia che affligge il sistema sanitario pubblico italiano. Il degrado di questa ASL è palpabile, ma cosa ha portato a questa situazione? La risposta, probabilmente, è un intreccio complesso di mancati finanziamenti e gestioni inefficienti. Negli ultimi anni, la sanità pubblica italiana ha subito tagli consistenti di budget, lasciando le strutture in balia di un destino incerto. A questo si aggiunge la gestione talvolta discutibile, che ha portato a sprechi e inefficienze. Dirigenti incapaci e corrotti nominati dalla politica.

La sanità pubblica è più di un semplice servizio; è un diritto fondamentale, un baluardo contro le disuguaglianze sociali. È il luogo dove tutti, indipendentemente dal reddito, dovrebbero avere accesso a cure di qualità. Per i meno abbienti, è spesso l'unico rifugio in cui trovare assistenza. Per questo, una situazione del genere è a dir poco inaccettabile.

Roma, viaggio nella ASL del degrado: tra case abusive e disservizi un dettaglio inorridisce le madri che portano i bambini a vaccinarsi
L'ingresso di un'abitazione occupata nella ASL di Roma

Il macabro dettaglio della ASL di Roma

Così, nella giornata di ieri, Bianca Berlinguer, conduttrice del programma Prima di domani su Rete4, ha mandato in onda un servizio agghiacciante. La giornalista, munita di telecamera, è andata all'interno di una ASL di Roma e ha mostrato il degrado che regna al suo interno. Sin da subito, la situazione si rivela essere tutt'altro che idilliaca. Infatti, una madre con passeggino è costretta a farsi una rampa di scale a piedi perché l'ascensore non ferma al primo piano, quello del consultorio. La giornalista, quindi, prende l'ascensore e sale ai piani superiori. Ciò che trova è da mani nei capelli. "La struttura sanitaria pubblica si trova all'interno di uno stabile occupato", spiega la giornalista mostrando le porte di ingresso alle abitazioni abusive.

Una delle vie di fuga porta a un terrazzo in condizioni pessime dal quale non si va da nessuna parte. La scala di emergenza è inagibile a causa dei cumuli di spazzatura. Insomma, il degrado regna sovrano. A un certo punto, la giornalista trova una strana sostanza per terra e, poi, capisce che si tratta di un topicida. Sì, in una struttura dove i bambini vanno a vaccinarsi si trova del topicida per terra. La dipendente della struttura pubblica spiega che ciò è necessario a causa dei roditori che frequentano la struttura. Inoltre, afferma anche che la situazione è così da almeno 25 anni e che, addirittura, la ASL ha dovuto usare i soldi pubblici, quelli delle nostre tasse, per riparare una grave perdita dai piani superiori. Di situazioni del genere, probabilmente, ce ne sono a centinaia in Italia. E, invece di aumentare i finanziamenti e migliorare la gestione della sanità pubblica, la politica continua a smantellarla in favore di quella privata.

LEGGI ANCHE: Roma, la ZTL è attiva e l'autista non ha il permesso: la trovata illegale per non prendere la multa diventa virale