Negozio di abbigliamento le offre uno stipendio (molto) più basso del previsto, la risposta della dipendente li zittisce per sempre: "Non si fa"

agenzia stipendio

Un'aspirante lavoratrice riceva un'offerta da un'agenzia di lavoro per lavorare in un negozio di abbigliamento: lo stipendio è molto più basso di quanto le spetterebbe da Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro. La risposta della giovane donna è da applausi

Cercava lavoro come store manager, ma è incappata in un'offerta di lavoro a dir poco inaccettabile. Un caso intercettato sul web, e che vi riproponiamo, per la nostra rubrica dedicata al mondo del lavoro. Prima di proseguire con il racconto, chiariamo, innanzitutto, che nel settore dell'abbigliamento esistono moltissime figure, tutte con una retribuzione differente. Secondo il Contratto Collettivo Nazionale (CCNL), i livelli di guadagno dipendono dalle mansioni e dalle competenze. Il contratto prevede in totale 8 livelli, più 2 livelli superiori. La paga base lorda e netta varia in base a essi, oscillando dai circa 1.200 euro del Livello 1, ai circa 2.200 euro del Livello 8.

Nel caso in questione, la persona che cerca lavoro e che è incappata in questo infelice annuncio, si è candidata per la posizione di store manager, vale a dire il responsabile di un punto vendita. Si tratta di una figura professionale di alto livello nel settore del commercio al dettaglio. Le sue mansioni includono la gestione operativa quotidiana del negozio, la supervisione del personale, la gestione dei clienti e dei prodotti, nonché il raggiungimento degli obiettivi aziendali. Inoltre, può essere coinvolto nella gestione delle risorse umane, nel coordinamento con la sede centrale e nei processi decisionali.

Insomma, una figura di spessore, per diventare la quale sono richieste competenze in ambito manageriale, organizzativo, di leadership e di vendita. Le offerte di lavoro per store manager richiedono spesso esperienza nel settore e, in alcuni casi, un titolo di laurea in ambito economico-sociale o marketing. Lo stipendio medio di questa figura è quindi medio alto, e può variare tra i 1.800 e 2.100 euro al mese, con la possibilità di benefici aggiuntivi legati al raggiungimento degli obiettivi aziendali. Vediamo l'offerta in questione.

 

agenzia stipendio (1)

Agenzia di lavoro le offre uno stipendio bassissimo per un posto in un negozio di abbigliamento. La risposta della dipendente

La segnalazione è stata fatta dalla stessa aspirante lavoratrice, che su un gruppo Facebook denuncia: "Nota agenzia per il lavoro mi inoltra un annuncio di ricerca store manager, questa è la mia risposta. Hanno perso veramente il capo.. E io la pazienza". La giovane inoltra lo screenshot della mail di risposta da lei inviata all'agenzia.
"Per il profilo di store manager non si assegna un 4° livello. Questo lo si dà ad una commessa. Si assegna un 3°, o addirittura un 2° livello. Mi stupisce che un'agenzia per il lavoro proponga un demansionamento del genere, che non rispecchia il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro del commercio. Leggere un annuncio di lavoro del genere è veramente demotivante. Vi consiglio di consultare un consulente del lavoro, prima di pubblicare certe offerte, chiaramente atte a sfruttare il dipendente". Una risposta perfetta.

LEGGI ANCHE >>> Piemonte, ristoratore disperato a corto di camerieri: "La richiesta inaccettabile che mi fanno tutti"