Circumvesuviana, macchinista contro il tempo: "Ha salvato una vita innocente"

circumvesuviana vita innocente macchinista

La mattinata di oggi è stata speciale sulla tratta Napoli-Sarno via Ottaviano della Circumvesuviana: il macchinista del treno diretto a Napoli delle 7:14, un eroe in divisa, ha salvato la vita innocente del tenero cucciolo che si aggirava per i binari. La sua è stata una lotta contro il tempo, sulla quale l'uomo ha avuto la meglio grazie a un piccolo grande gesto di cura. Cosa è successo.

La Circumvesuviana è una linea ferroviaria che collega i paesini intorno al Vesuvio seguendo la circonferenza del vulcano. I suoi treni sono noti per vicende grottesche, storie assurde e personaggi strampalati. Nei suoi vagoni però, spesso accadono gesti di valore che meritano di essere raccontati. Proprio stamattina, sul treno delle 7:14 diretto a Napoli, si è verificato un avvenimento di grande importanza umana e sociale. Mentre i passeggeri degli ultimi sedili si chiedevano perché il treno stesse camminando a passo d'uomo, il macchinista dalla cabina di controllo stava cercando di salvare una vita innocente. Ecco cosa è successo.

circumvesuviana vita innocente macchinista
Le immagini di stamattina in Circumvesuviana, il macchinista è un eroe.

 

Il macchinista della Circumvesuviana è un eroe: ha salvato una vita innocente

Il vantaggio di sedersi nel primo vagone della Circumvesuviana, in genere, è quello di trovare posto a sedere. Questa mattina però, la prima fila ha regalato una vicenda entusiasmante dal grande valore umano e sociale. All'altezza di San Giuseppe, in direzione Napoli, il macchinista del treno ha notato un'ombra che si muoveva tra i binari. Il piccolo cucciolo, stava passeggiando tranquillamente su un percorso pericoloso e il nostro eroe non ha esitato un secondo a riconoscerlo. "Questo cane abita a San Leonardo" ha detto al co-conducente, mentre la preoccupazione per la situazione cresceva.

San Leonardo era la prossima fermata e il macchinista sembrava deciso a procedere a passo d'uomo fin quando il cane non fosse ritornato a casa. Questo però, si sa, avrebbe implicato qualche minuto di ritardo per la tratta mattutina. Ma l'uomo non si è perso d'animo. Era dalla fermata di Terzigno che parlava di musica e filosofia, mostrando una grande empatia verso i suoi colleghi di lavoro. Così, quando è arrivato il momento, l'eroe in divisa non ha esitato un secondo a compiere il gesto. Senza paura di mostrare il suo lato femminile, si è sporto leggermente dal finestrino per invitare il cucciolo a fermarsi.

"Piccolo, tu fermati qua ok?" - e il risultato è stato incredibile. Come se fossero parole magiche o una melodia dolce e ipnotica, il cane è uscito fuori dai binari lasciando libero il passaggio. Così, dopo 10 minuti di rallentamenti il treno ha ripreso la sua velocità normale. I passeggeri degli altri vagoni probabilmente non conosceranno mai questa storia, ma sarebbe bello se uno di loro, leggendo questo articolo, riflettesse sul fatto che molto spesso i disagi derivano dal compimento grandi atti eroici.

Leggi anche: "Più visibilità donne latine", la critica di America Ferrera ai Critics Choice Awards: è un'ispirazione