Lift, finalmente disponibile su Netflix: dal regista di un film famosissimo

netflix lift regista famosissimo

È disponibile da oggi su Netflix Lift, il nuovo film del famosissimo Felix Gary Gray. La trama ruota tutta attorno ad una rapina di alcuni ladri d'arte, la quale storia si intreccia misteriosamente con altri personaggi dall'altro lato della giustizia, sottolineandone l'ambiguità. Ricorda qualcosa? Gary Gay ha diretto infatti un altro film famosissimo che ricalca lo stesso concetto. Ancora nessuna idea? Scopriamolo insieme.

Avremmo dovuto vedere Lift di F. Gary Gray nell'agosto 2023, ma a causa dello sciopero, la data di uscita è stata posticipata. Questo ritardo è stato particolarmente problematico perché contavamo sulla giusta promozione da parte del suo protagonista indiscusso, Kevin Hart. Il film è stato infine rilasciato su Netflix ed è possibile descriverlo come un caper movie ad alta quota. La trama si svolge su un palcoscenico spettacolare e incredibilmente complicato, sia dal punto di vista logico che logistico. Tuttavia, se il cinema richiede di sospendere temporaneamente il nostro senso di realtà, con Lift dovremmo proprio esagerare. D'altronde, c'è da aspettarselo da un regista esperto di genere. Ricordate il famosissimo film "The Italian Job"? È il suo.

netflix lift regista famosissimo
Due clip parallele dal film "Lift" e "The Italian Job", entrambi diretti da Felix Gary Grey.

 

Lift è su Netflix, dal regista un altro famosissimo film "caper"

Lift narra le avventure di una banda di ladri d'arte specializzati nel trafugare i suoi bottini da personaggi poco affidabili. Il fulcro del gruppo è Cyrus Whitaker (Kevin Hart), che all'inizio del film si trova a compiere un audace furto di un prezioso NFT durante un'asta tenuta nel cuore di Venezia. Tuttavia, le cose prendono una piega inaspettata e la banda viene scoperta da Abby (Gugu Mbatha-Raw), un'agente dell'Interpol che conosce molto bene Cyrus.

Il team dei ladri è composto da personaggi unici, ognuno con abilità particolari: Denton (Vincent D'Onofrio), Camilla (Ursula Corbero, conosciuta come Tokyo in La Casa di Carta), Magnus (Billy Magnussen), Luc (Viveik Kalra) e Mi-Sun (Yun Jee Kim). Questi professionisti sono chiamati a collaborare con Abby, la quale è sulle tracce di un tesoro di inestimabile valore destinato a cadere in mano a un gruppo terroristico. A controllare la somma di denaro è Lars Jorgensen (Jean Reno), un miliardario collezionista che sfrutta gli attentati a suo vantaggio. La sfida che si prospetta per Cyrus e il suo team è di proporzioni epiche: il tesoro è costituito da lingotti d'oro che sono trasportati su un aereo. Come riusciranno a compiere questo audace furto?

Come il film Italian Job, ma c'è qualcosa in più

Il punto focale del racconto, come in Italian Job, è sicuramente l'ambiguità del concetto di giustizia. Una conseguenza del rendere protagonista la banda criminale, certo, ma Lift ha qualcosa in più. Il parallelismo-non-parallelismo con i gruppi terroristici è ormai sempre ricorrente nel cinema e mostra tutta la complessità dell'affibbiare quest'etichetta. Questo tema è presente anche  in La Casa di Carta e nella mente dello spettatore fa riecheggiare una sola domanda: "Cosa distingue questa banda di ladri dalla nostra idea di terroristi?"

Leggi anche: Fabrizio De André, il film da rivedere assolutamente: tutti i lati dell'artista