Casa di riposo offre lavoro a 1500 euro al mese ma un dettaglio sconvolge la candidata: "Cosa devo fare fuori l'orario di lavoro"

Casa di riposo offre lavoro a 1500 euro al mese ma un dettaglio sconvolge la candidata: "Cosa devo fare fuori l'orario di lavoro"

Una candidata ha denunciato un'offerta di lavoro di una casa di riposo che nasconde un dettaglio sconvolgente.

In un'Italia in cui il mercato del lavoro è sempre più incerto, emergono più frequentemente storie che riflettono la disperazione e l'assurdità di un sistema in crisi. Nella frenetica ricerca di occupazione, molti si trovano ad affrontare situazioni che rasentano l'incredibile. È il caso di un recente annuncio di lavoro pubblicato da una casa di riposo, un'offerta che nasconde al suo interno un dettaglio sconvolgente, quasi surreale. In un paese dove il tasso di disoccupazione giovanile è tra i più alti in Europa, trovare un lavoro stabile e è diventato un traguardo elusivo per molti. Questa situazione ha aperto la strada a condizioni di lavoro sempre più precarie e spesso assurde. Le storie di giovani laureati costretti ad accettare impieghi sottopagati o lontani dal loro campo di studi sono ormai la norma, un triste ritratto di un'Italia in difficoltà.

L'annuncio in questione sembrava inizialmente una normale offerta per un assistente nella casa di riposo. Tuttavia, come vi stiamo per raccontare, emerge una condizione che lascia interdetti. Un requisito così insolito da sollevare interrogativi sul rapporto tra lavoro e vita privata. Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Casa di riposo offre lavoro: l'incredibile dettaglio

Una signora ha denunciato l'incresciosa offerta di lavoro in un gruppo su Facebook. Una casa di riposo per anziani è alla ricerca di un'impiegata responsabile della gestione dei turni. Lo stipendio proposto è circa 1500 euro lordi per 38 ore di lavoro settimanali. Una cifra di sicuro non altissima, a cui si aggiunge una condizione che ha lasciato la candidata a bocca aperta. Infatti, l'azienda richiede reperibilità non pagata 24 ore su 24 nel caso in cui fuori l'orario di lavoro dovesse telefonare un lavoratore che necessita di sostituzione.

L'azienda ha spiegato di non pagare straordinari e indennità a nessuno mentre il CCNL prevede da 1 a 2 euro all'ora per la reperibilità e, in caso di lavoro effettivo, il pagamento dello stipendio. La casa di riposo, inoltre, ha aggiunto che è necessario coprire tutti i turni per non perdere le convenzioni con gli enti pubblici. Insomma, conclude la malcapitata candidata, l'azienda vuole "la botte piena e la moglie ubriaca". La casa di riposo, infatti, vuole avere un ritorno personale che graverebbe, però, sulle spalle del lavoratore. Il dipendente non solo non potrebbe mai rilassarsi dal lavoro, ma non verrebbe neanche pagato per il lavoro extra svolto. Insomma, un annuncio da denuncia come, purtroppo, se ne trovano sempre più spesso in Italia.

Casa di riposo offre lavoro a 1500 euro al mese ma un dettaglio sconvolge la candidata: "Cosa devo fare fuori l'orario di lavoro"
La denuncia è stata pubblicata su un gruppo Facebook

LEGGI ANCHE: Ragazzo in cerca di lavoro riceve una vantaggiosa offerta: "Fino a 6000 euro al mese per 2 ore al giorno", ma un dettaglio lo insospettisce