"Ho pagato una tassa assurda", minacce al ristorante: lo scontrino ha una voce sconosciuta

scontrino ristorante minacce tassa

Il JenChan's Pizza and Chinese di Cabbagetown, in Georgia, è stato odiato sui social media dopo che un cliente ha segnalato la tassa del 4% per l'assicurazione sanitaria dei dipendenti sul conto. Lo scontrino, postato su Reddit, ha avuto come conseguenza delle minacce al ristorante su Facebook.

Il mese scorso il cliente ha postato su Reddit una foto del conto, che mostrava un addebito extra di 2,02 dollari in fondo allo scontrino. L'uomo ha poi realizzato che l'insolita voce si riferiva a un contributo per l'assicurazione sanitaria dei dipendenti del locale. La foto ha ricevuto oltre 2.000 commenti e quasi 9.000 reazioni, anche se nel frattempo il cliente ha cancellato il post originale.

Le critiche sono arrivate anche da altri: un utente di Facebook ha addirittura commentato una foto dei proprietari di JenChan - che mostra la coppia di coniugi Jen ed Emily Chan, oltre al loro bambino - con queste parole minacciose: "Non ho mai visto una famiglia che abbia più bisogno di essere picchiata, fate in modo che l'assistenza sanitaria sia utile". I proprietari hanno risposto in una dichiarazione pubblicata su Facebook il 29 dicembre 2023, scrivendo che "sembrava tutto a posto" quando hanno servito il cliente in questione al ristorante.

scontrino ristorante minacce tassa
Il commento-minaccia alla foto della famiglia Chan su Facebook.

 

Lo scontrino e le minacce al ristorante: i proprietari rispondono

Jen ed Emily Chan nel post social hanno sottolineato che il costo dell'assicurazione sanitaria è completamente facoltativo e che ogni cliente può scegliere di non pagarlo. "Per evitare che ciò accada, lo pubblichiamo sul menu stesso e sulla ricevuta" - ha scritto il ristorante - "È presente nel menu da circa un anno; ci siamo ispirati a un altro paio di ristoranti qui che fanno lo stesso".

Il seguente avviso è riportato sul menu e sulle ricevute del ristorante: "Sullo scontrino noterete il 4% di assicurazione sanitaria che abbiamo implementato dopo che i nostri premi sono più che triplicati l'anno scorso. Vi ringraziamo per aver partecipato ai nostri sforzi per garantire al nostro personale la possibilità di curarsi per qualsiasi disturbo mentale o fisico. Abbiamo apprezzato tutti i vostri feedback positivi, grazie! Sappiate che saremo più che felici di rimuovere questo problema per voi senza esitazione".

In un'intervista rilasciata a Fox 5 Atlanta, Emily Chan ha detto: "Vogliamo sensibilizzare l'opinione pubblica. Vogliamo che la gente veda che c'è una crisi". Nel suo post, il ristorante ha scritto: "Stiamo solo cercando di tenere aperte le nostre porte e di coprire l'assicurazione sanitaria dei nostri dipendenti, e lo stiamo facendo nel modo più trasparente e onesto possibile. Perché ci teniamo".

JenChan's ha aperto i battenti sei mesi prima della pandemia di coronavirus, che ha messo a dura prova gli affari. I proprietari hanno dichiarato di non aver ancora ottenuto un "vero profitto" e hanno indicato numerosi altri piccoli ristoranti indipendenti di Atlanta che non sono sopravvissuti. "Se non avessimo fatto qualcosa, avremmo dovuto cancellare l'assicurazione o chiudere i battenti", si legge nella dichiarazione.

Leggi anche: "Viaggio nel tempo", il piccolo borgo dall'atmosfera sospesa: vi catapulterà nel passato