Venezia, padre getta dalla finestra la figlia di 5 anni in affido per le vacanze di Natale e tenta il suicidio: il motivo del folle gesto

Venezia, padre getta dalla finestra la figlia di 5 anni in affido per le vacanze di Natale e tenta il suicidio: il motivo del folle gesto

Orrore a Cinto Caomaggiore (Venezia) dove un padre ha cercato di uccidere la figlia di 5 anni per poi togliersi la vita: i dettagli della tragedia sfiorata.

In una notte che ha scosso la tranquilla comunità di Cinto Caomaggiore, comune di appena 3.000 anime nei dintorni di Venezia, si è consumato un atto di disperazione familiare che ha quasi portato a una tragedia inimmaginabile. Un padre, probabilmente provato dal dolore della separazione dalla moglie avvenuta pochi mesi fa, ha compiuto un gesto estremo: ha gettato la sua bambina di cinque anni dal terrazzo del primo piano della loro casa.

Questa storia inizia nelle quiete ore notturne, quando il silenzio di un piccolo paese veneto è stato rotto da un gesto brutale, inaspettato e apparentemente inspiegabile. Il padre, che aveva la figlia con sé per le vacanze natalizie, in un momento di disperazione, ha deciso di porre fine non solo alla sua vita ma anche a quella della sua piccola. Fortunatamente, il destino aveva in serbo un altro piano.

Venezia, padre getta dalla finestra la figlia di 5 anni in affido per le vacanze di Natale e tenta il suicidio: il motivo del folle gesto
La prontezza dei soccorsi ha salvato la vita della sfortunata bambina

Padre getta dalla finestra la figlia a Venezia: le condizioni della bambina

La piccola miracolata è sopravvissuta a questa esperienza traumatica che poteva rilevarsi fatale. Dopo l'estremo gesto del padre, i vicini ha subito chiamato i soccorsi e gli operatori sanitari sono giunti sul luogo della tragedia e hanno trasportato la piccola in elicottero all'ospedale di Treviso. Nonostante le circostanze terribili, la bambina è cosciente, lottando per la sua vita con un'incredibile forza interiore. I medici stanno facendo di tutto per salvare la vita della povera figlia tradita dal padre, la persona che invece avrebbe dovuto prendersi cura di lei. Attualmente, la bambina si trova in gravi condizioni, ma i medici sono fiduciosi nella sua capacità di recupero. Ha subito un trauma cranico, ma il suo spirito indomito e la prontezza dei soccorsi le hanno permesso di sopravvivere a questa prova. La sua resilienza è una fonte di ispirazione e speranza per tutti.

Intanto, le forze dell'ordine hanno arrestato con l'accusa di tentato omicidio il padre che non ha riportato gravi ferite. La comunità è sotto shock, ma tutti gli sguardi sono ora rivolti verso questa piccola guerriera, che sta combattendo la sua battaglia più importante all'ospedale Ca' Foncello di Treviso. L'augurio è che la giustizia punisca a dovere il gesto scellerato e ingiustificabile del padre assassino e che la bambina venga protetta a dovere dal mostro che si è rivelato essere il suo genitore. Questo episodio sconvolgente ci ricorda la fragilità della vita e l'importanza del sostegno emotivo e psicologico, specialmente in tempi di crisi familiari. La storia di questa bambina diventa un simbolo di coraggio e resilienza, una luce di speranza in una notte buia.

LEGGI ANCHE: Piemonte, Carabinieri assicurano le cure salvavita a una bambina di 2 anni: il racconto della toccante storia di Natale