Liliana Resinovich, "Sebastiano mi disse: "Che bella casa che hai...", spuntano nuove testimonianze

liliana resinovich sebastiano (1)

Liliana Resinovich, il marito Sebastiano "anafettivo": a La Vita in Diretta parlano gli amici della 63enne trovata cadavere a Trieste

Dopo tante pressioni intorno a questo misterioso caso, è stata disposta la riesumazione della salma di Liliana Resinovich, 63enne scomparsa a Trieste il 14 dicembre 2021 e ritrovata senza vita il 5 gennaio 2022. Un giallo, intorno al quale aleggiano moltissime domande, e su cui ora potrebbe finalmente emergere una verità rimasta troppo a lungo nascosta.
Resinovich era uscita al mattino di casa per raggiungere un amico. Viveva insieme al marito, Sebastiano Visintin. Durante il tragitto, però, la donna è andata incontro alla morte. Dopo le ricerche durate giorni, il corpo di Liliana è stato trovato in un boschetto poco lontano dalla sua abitazione, rinchiuso all'interno di sacchi della spazzatura.

Pochissimi elementi utili per un indagine di omicidio: il caso fu archiviato come suicidio. Ma i parenti e gli amici della 63enne non hanno mai creduto a questa ipotesi, e hanno a lungo richiesto che l'inchiesta intorno alla morte di Liliana riprendesse. Un personaggio che, nei giorni in cui il caso scoppiò in Italia, divenne d'improvviso popolare, fu proprio Sebastiano, il marito della vittima. Nei giorni che hanno preceduto Il ritrovamento della consorte, il suo comportamento fu molto criticato. L'uomo era sempre in tv, e chi era in apprensione per Liliana ha sempre parlato di lui come di una persona tranquilla, quasi distaccata.

Liliana Resinovich, Sebastiano criticato dalle amiche della vittima: "Anaffettivo"

Alcuni amici di Liliana Resinovich sono stati intervistati a La Vita in Diretta, questo pomeriggio. A parlare per prima è la signora Gabriella. "Il giorno 5 lo chiamai per chiedergli come stava, lui mi dice: "Sto andando a cena con un mio amico". Lì per lì pensai: "Va bene, giustamente anche lui deve mangiare, anche se ti hanno appena comunicato che tua moglie è stata ammazzata". Però ognuno ha le sue reazioni. Poi succede che di sera, tutto d'un colpo, il cortile nostro viene illuminato a giorno, arriva la polizia e la croce rossa, lui chiama Salvo e dice: "Sono venuti qua perché dopo quello che ho detto in TV ("Come faccio a vivere senza di te". ndr) mi vogliono fare una visita psichiatrica in ospedale".

liliana resinovich sebastiano
L'intervista a La Vita in Diretta

"Un giornalista che lo aveva accompagnato a casa ha chiamato la croce rossa, pensando: "Questo qua magari fa un gesto inconsulto. E lui sapete cosa dice? "In certi momenti si dicono queste cose...". Ma vi sembra che uno trova la moglie nei sacchi e dice questo? Ma vi rendete conto?". "Per la verità, non credo proprio al dolore di Sebastiano. Sebastiano non sente dolore, punto", conclude Gabriella. "Non ha avuto nessuna reazione emotiva, a casa mia, che potesse far pensare che era addolorato,  dispiaciuto, disperato. Anzi, mi ha detto: "Che bella casa che hai". Ma che c'entrava? Stavamo ancora cercando Liliana. Era anaffettivo", testimonia una seconda amica della vittima.

LEGGI ANCHE >>> Liliana Resinovich, videomessaggio choc del marito Sebastiano: "Sento la sua voce che mi urla..."