Le rinnovano il contratto di 6 mesi e si sfoga sui social: "Dovrei essere felice, ma non lo sono: cosa mi fa il capo"

Le rinnovano il contratto di 6 mesi e si sfoga sui social: "Dovrei essere felice, ma non lo sono: cosa mi fa il capo"

Una dipendente ha dato vita a uno sfogo sui social e ha spiegato perché, nonostante il rinnovo del contratto da parte del capo, il suo stato d'animo a lavoro è pessimo. 

L'ambiente lavorativo è un aspetto cruciale per un'esperienza professionale soddisfacente e produttiva. Non si tratta solo del luogo fisico in cui si svolge il lavoro, ma dell'atmosfera, delle relazioni tra colleghi e della cultura aziendale che, insieme, creano l'ambiente in cui le persone trascorrono gran parte della loro giornata. Questo contesto può avere un impatto significativo non solo sulla produttività e sul successo professionale, ma anche sul benessere psicologico e fisico dei lavoratori. Gli ambienti di lavoro possono variare enormemente. Da un lato, abbiamo ambienti positivi, dove regna un clima di supporto reciproco, dove le idee vengono incoraggiate e dove i lavoratori si sentono valorizzati e motivati. In questi contesti, la crescita personale e professionale è stimolata e i dipendenti si sentono parte integrante di una squadra che mira al successo comune.

Dall'altro lato, purtroppo, esistono anche ambienti di lavoro tossici, caratterizzati da stress eccessivo, competizione malsana, mancanza di comunicazione e supporto, e talvolta anche comportamenti intimidatori o molestie. Questi ambienti non solo minano la produttività e la creatività, ma possono anche causare gravi danni alla salute mentale e fisica dei dipendenti, portando a burnout, ansia e insoddisfazione lavorativa. E proprio un ambiente di lavoro tutt'altro che collaborativo ha portato una giovane lavoratrice a dispiacersi per il rinnovo del contratto.

Sfogo social dopo il rinnovo del contratto: le accuse contro il capo

La giovane lavoratrice ha affidato a un gruppo Facebook la sua tristezza per la situazione lavorativa che sta vivendo. La dipendente, alla prima esperienza di lavoro, ha comunicato di essere triste per il rinnovo del contratto di 6 mesi, dopo i primi 3 di esperienza. Il motivo? L'ambiente di lavoro e, in particolare, il suo capo. "Purtroppo il mio capo mi tratta malissimo, sempre aggressivo, lunedì scorso mi ha urlato contro per 8 ore, è insopportabile", si è sfogata la giovane ragazza. La giovane ha denunciato che il capo non fa altro che impuntarsi sui suoi errori. "Stamattina mi sono alzata con l'ansia di dover andare in ufficio e vederlo per farmi urlare addosso", ha rivelato la lavoratrice.

La ragazza ha concluso il suo sfogo con il timore di non avere le forze di continuare a lavorare nell'azienda. "Rispondigli a tono, va bene correggere gli errori ma ci sono modi e modi", è stato il consiglio di un'altra ragazza. Un'altra signora, invece, è stata più drastica: "Scappa. Finirai in uno stress mentale che manco ti dico. Se sei in gamba qualcosa si trova, basta cercare bene!". E voi, siete d'accordo con questi consigli, o, al posto della ragazza, avreste reagito in modo diverso.

Le rinnovano il contratto di 6 mesi e si sfoga sui social: "Dovrei essere felice, ma non lo sono, cosa mi fa il capo"
Lo sfogo della ragazza pubblicato su un gruppo Facebook

LEGGI ANCHE: "Ho risposto a un annuncio di lavoro per aiuto cuoco / lavapiatti a Palermo, quanto prendo all'ora con un solo giorno di riposo"