Youtuber si sfoga per l'assicurazione obbligatoria per i veicoli fermi e spiega le (poche) eccezioni previste dalla legge

Youtuber si sfoga per l'assicurazione obbligatoria per i veicoli fermi e spiega le (poche) eccezioni previste dalla legge

Dal 23 dicembre 2023 l'assicurazione è diventata obbligatoria anche per i veicoli fermi: queste sono le rare eccezioni.

A partire dal 23 dicembre 2023, il mondo delle assicurazioni auto in Italia ha subito una trasformazione radicale. Una nuova normativa, frutto del decreto legislativo n. 184 del 22 novembre 2023, ha cambiato le regole del gioco per proprietari di veicoli a motore. Questo cambiamento riguarda tutti i veicoli fermi, anche quelli silenziosamente parcheggiati nelle aree private. Così, l'assicurazione per la responsabilità civile verso terzi è diventata obbligatoria anche per questo tipo di veicoli. Fino ad ora, molti proprietari di veicoli potevano scegliere di non assicurare i loro mezzi se questi non erano in uso attivo o erano parcheggiati in luoghi privati. Tuttavia, questa possibilità è ormai svanita.

La nuova legge amplia il concetto di "rischio statico", basato sull'idea che un veicolo, anche quando non è in movimento, può rappresentare un potenziale rischio. Ciò significa che tutti i veicoli immatricolati in Italia con una velocità superiore a 25 km/h o un peso superiore a 25 kg e una velocità superiore a 14 km/h, dovranno essere assicurati. Questa categoria include anche i rimorchi, assenti nelle politiche assicurative tradizionali. Tuttavia, esistono ancora alcune categorie di veicoli che non devono essere assicurati.

Youtuber si sfoga per l'assicurazione obbligatoria per i veicoli fermi e spiega le (poche) eccezioni previste dalla legge
Da ora in poi anche le auto ferme nei garage privati dovranno essere assicurate

Assicurazione veicoli fermi: le eccezioni

Le eccezioni a queste nuova legge che impone l'obbligo di assicurare anche i veicoli fermi sono poche e sono state spiegate dallo youtuber N0North che pubblica video delle sue avventure in moto. Inutile dire che il tono di voce e l'espressione dello youtuber trasmettono tutt'altro che felicità. Infatti, lo youtuber spiega che questa legge è una trovata del Governo "per impoverire ulteriormente la popolazione". Poi, inizia a spiegare le eccezioni.

Innanzitutto, la nuova normativa non tocca i veicoli che non circolano più perché sono stati demoliti, esportati o ritirati. "E ci mancherebbe", commenta ironicamente lo youtuber. Anche i veicoli che non possono circolare perché sono stati sequestrati, fermati o vietati non devono essere assicurati. Anche in questo caso, lo youtuber ha commentato l'eccezione con la stessa ironia mostrata in precedenza. Infine, anche i veicoli non funzionanti sono esentati da questa legge. Per veicolo non funzionante si intende, per esempio, un mezzo che non può circolare poiché gli manca una parte essenziale del motore. "Tuttavia, lo devono comunicare alla compagnia assicurativa", specifica lo youtuber. Esiste anche la possibilità di sospendere l'assicurazione, ma per un periodo massimo di 10 mesi. Al netto di questi cambiamenti, le sanzioni per chi non rispetta la legge restano le stesse. Quindi, decurtazione di 5 punti della patente, sanzione di 800 euro, sequestro del veicolo e ritiro della carta di circolazione.

LEGGI ANCHE: Veneto, automobilista spericolato mette a rischio la vita della figlia di 4 anni: a quanto viaggiava