Sardegna, uccide il padre a bastonate: la vittima era conosciutissima

sardegna padre

Sardegna, uccide il padre con un bastone: la tragedia scuote la comunità di Arzachena, in provincia di Sassari. La vittima era un noto orafo

La comunità di Arzachena, in Sardegna, è incredula. Giovanni Fresi, detto Gianni, è stato ucciso a colpi di bastone. Il killer sarebbe il suo stesso figlio, Michele Fresi. La vittima aveva 58 anni, ed era molto noto nella cittadina sarda in cui viveva. Un patricidio agghiacciante, per chiarire le dinamiche del quale ora sono al lavoro le forze dell'ordine. A quanto si apprende dalle prime ricostruzioni, Gianni avrebbe provato a fermare il figlio, probabilmente sotto effetto di stupefacenti. Il ragazzo, 28enne, si trovava in viale Costa Smeralda, all'esterno di un locale. Era agitato, e a quanto riportano i media locali, stava dando in escandescenze.

Ed è qui che sarebbe intervenuto il genitore: Gianni Fresi si sarebbe avventato sul figlio forse nel tentativo di calmarlo. Ma di tutta risposta, Michele avrebbe a sua volta aggredito il papà. Dopo aver afferrato un bastone di ginepro trovato forse in strada, avrebbe colpito al capo l'uomo. Un colpo sferrato evidentemente con grande forza: la ferita è stata mortale. Inutile l'intervento dei sanitari, arrivati sul posto allertati dai presenti. L'uomo è deceduto: vani i tentativi di rianimarlo.
Oltre al tragico decesso del 58enne, sono rimaste ferite da quella che sembra essere stata a tutti gli effetti una rissa, anche altre due persone. Vale a dire una donna e due carabinieri intervenuti per calmare le acque. I tre sono stati portati in ospedale per le medicazioni.

sardegna padre (1)
La vittima Michele Fresi, 58 anni: era un noto orafo di Arzachena

 

Sardegna, uccide il padre con un bastone: shock a Arzachena, comunità in lutto

Il dramma si è consumato nel corso della notte: erano circa l'1.30. Il presunto killer è stato ammanettato e condotto in caserma a Olbia, dove nelle successive ore è stato sottoposto ad un primo interrogatorio.
Ed è un giorno di lutto e sgomento ad Arzachena, città di poco più di 13mila abitanti in provincia di Sassari, Sardegna, dove la vittima era molto conosciuta. Gianni Fresi era infatti un noto orafo del posto.

"Sono personalmente sconvolto da questa notizia, così come lo sono tutti gli arzachenesi. Ora non ci resta che stringerci intorno alla famiglia della vittima, proclamare il lutto cittadino in modo che la nostra comunità si possa stringere intorno ai familiari. E' il momento del cordoglio, del lutto e della riflessione": queste le prime dichiarazioni del sindaco di Arzachena, Roberto Ragnedda.

LEGGI ANCHE >>> Roma, anziano muore da solo a Natale: la tristissima storia che commuove l'Italia