"Mi sono rivolto a un'agenzia interinale, mi hanno chiamato 3 volte in un anno e l'ultima non era per un'offerta di lavoro": il racconto di un giovane

"Mi sono rivolto a un'agenzia interinale, mi hanno chiamato 3 volte in un anno e l'ultima non era per un'offerta di lavoro": il racconto di un giovane

Un giovane si è rivolto a un'agenzia interinale per trovare lavoro: questa è stata la sua esperienza che ha voluto condividere sui social.

Nel mercato del lavoro odierno, le agenzie interinali giocano un ruolo decisamente centrale e molti lavoratori vi ci si rivolgono per ricevere una mano nella ricerca di un'occupazione. Infatti, le agenzie interinali fungono da intermediario tra le aziende che hanno bisogno di personale e le persone che cercano occupazione. Per i lavoratori, rivolgersi a un'agenzia interinale può essere una strada per entrare nel mondo del lavoro, specialmente per chi è all'inizio del proprio percorso professionale. Le agenzie offrono l'opportunità di acquisire esperienza in diversi settori, di ampliare le proprie competenze e di costruire una rete professionale. Inoltre, possono rappresentare un trampolino verso impieghi più stabili e a lungo termine.

D'altra parte, tuttavia, lavorare tramite un'agenzia interinale può presentare alcune difficoltà. Spesso i contratti sono di breve durata e, inoltre, la natura temporanea di questi impieghi può portare a periodi di incertezza tra un incarico e l'altro. Per i datori di lavoro, le agenzie interinali offrono una soluzione pratica per gestire le fluttuazioni stagionali del lavoro o per coprire assenze temporanee. Ciò permette alle aziende di adattarsi rapidamente alle mutevoli esigenze del mercato. Non sempre, però, come nel caso che vi stiamo per raccontare, le agenzie interinali riescono ad adempiere al loro ruolo nel migliore dei modi possibili.

Agenzia interinale: il lavoro proposto

Un giovane disoccupato alla ricerca di lavoro, infatti, ha condiviso sui social la sua esperienza, tutt'altro che positiva, con un'agenzia interinale locale. A sua detta, l'agenzia interinale, dopo l'iscrizione, lo avrebbe contattato solo 3 volte. La prima volta, ovviamente, per un precolloquio che ha avuto luogo nella sede dell'agenzia a 40 km di distanza dall'abitazione del giovane. "Nonostante avessero una sede a soli 15 km da casa mia", si è lamentato il giovane. Poi, c'è stato il colloquio vero e proprio con il datore di lavoro a 20 km da casa che si è concluso con un "le faremo sapere". Ovviamente, il datore non ha più dato segni di vita. "Risultato: 120 km e 8 litri di benzina che è risaputo venga regalata ai disoccupati", ha spiegato il giovane.

La seconda chiamata fu una vera e propria proposta di lavoro. Le condizioni, tuttavia, erano tutt'altro che convenienti. Si trattava di un part-time su turni a 80 km da casa. "Per prendere 600 euro avrei dovuto spenderne 500 tra benzina, autostrada e gomme", ha rivelato il giovane. Inoltre, il lavoratore avrebbe anche dovuto svegliarsi alle 3 di notte per arrivare in tempo per il turno delle 6 di mattina. Infine, la terza chiamata è arrivata per annunciare la scadenza dell'anno di iscrizione all'agenzia e la necessità di rinnovo in sede. "Ovviamente, li ho mandati a cag*** nel più vicino campo di ortiche", ha raccontato il giovane. E voi, che esperienze avete avuto con le agenzie interinali?

"Mi sono rivolto a un'agenzia interinale, mi hanno chiamato 3 volte in un anno e l'ultima non era per un'offerta di lavoro": il racconto di un giovane
Lo sfogo del giovane disoccupato contro l'agenzia interinale sui social

LEGGI ANCHE: "Ho risposto a un annuncio di lavoro per aiuto cuoco / lavapiatti a Palermo, quanto prendo all'ora con un solo giorno di riposo"