Campania, il mini-borgo immerso nel verde: la scampagnata ideale da fare in famiglia

campania mini borgo

In Campania il mini-borgo di Valle dell'Angelo: la gita perfetta per una giornata in famiglia. Solo 36 chilometri quadri e un centinaio di abitanti: excursus nella storia e un tuffo nel verde

I borghi storici italiani sono veri e propri gioielli incastonati nel tessuto culturale e paesaggistico dello Stivale. Questi piccoli centri, spesso situati in posizioni pittoresche come colline, montagne o lungo coste, rappresentano un patrimonio inestimabile di storia, tradizione e bellezza.
La caratteristica più affascinante dei borghi storici italiani è la loro autenticità. Molti di questi borghi hanno mantenuto intatta la loro architettura e struttura urbanistica per secoli, offrendo così un viaggio indietro nel tempo. Le stradine lastricate, le case in pietra, le chiese antiche e le piazze piccole ma vivaci sono elementi comuni. Questi luoghi conservano l'essenza della vita italiana tradizionale, lontana dal trambusto delle città moderne.

Oggi vi portiamo in Campania, alla scoperta di un mini-borgo in cui le tradizioni di una volta continuano a vivere attraverso le generazioni. Feste, riti, processioni e mercati animano piccole realtà come questa, esempi di come le comunità locali mantengano vive le loro radici culturali. Andiamo a Valle dell'Angelo, minuscolo borgo storico nella provincia di Salerno.

Campania, il mini-borgo di 36 chilometri quadri: alla scoperta di Valle dell'Angelo

Situata a 620 metri sul livello del mare nell'alta valle del Calore Lucano, alle pendici del monte Ausinito, Valle dell'Angelo è un pittoresco comune nella provincia di Salerno, Campania. Con una popolazione di poco più di 200 abitanti, Valle dell'Angelo è il comune meno popolato di tutta la regione.
Il suo territorio, che si estende all'incirca per 37 km², confina con i comuni di Laurino, Piaggine, Rofrano e Sanza.

campania mini borgo (2)

La storia del borgo, originariamente chiamato Casaletto di Piaggine e che ha dato il gentilizio "casalettari" agli abitanti, è profondamente radicata. Si ritiene che la sua fondazione risalga al X secolo, ad opera dei monaci basiliani. Dal punto di vista amministrativo, Valle dell'Angelo ha avuto una storia ricca: dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Laurino, nel regno delle Due Sicilie, e successivamente, dal 1860 al 1927, durante il regno d'Italia, è stata parte del mandamento di Laurino, nel circondario di Vallo della Lucania. Al 31 dicembre 2017, la popolazione includeva 4 cittadini stranieri, testimoniando una piccola ma significativa presenza internazionale in questo storico comune italiano.

Un borgo che si trova in luoghi di straordinaria bellezza naturale, immerso nel verde mozzafiato. Punto di partenza ideale per esplorare le aree rurali circostanti, ricche di biodiversità.

Un esempio, quello di Valle dell'Angelo, di quanto i borghi storici italiani siano più di semplici destinazioni turistiche. Scrigni di una storia e di una cultura che definiscono l'essenza stessa dell'Italia, la loro bellezza risiede non solo nei loro paesaggi e architetture, ma anche nel modo in cui hanno preservato uno stile di vita che rispecchia secoli di tradizioni.

LEGGI ANCHE >>> Sicilia: il piccolo borgo che ha conquistato Hollywood e gli Oscar