Compra un articolo in un negozio e la commessa lo avvisa di non perdere lo scontrino per la garanzia, ma le cose non stanno così

Compra un articolo in un negozio e la commessa lo avvisa di non perdere lo scontrino per la garanzia, ma le cose non stanno così

Massimiliano Dona, avvocato specializzato in difesa dei consumatori, ha spiegato cosa fare se si perde lo scontrino per ottenere la garanzia in un negozio.

Quando acquistiamo un prodotto, sia esso un elettrodomestico, un dispositivo elettronico o un semplice utensile, ci aspettiamo che funzioni correttamente e duri nel tempo. Ma cosa succede se qualcosa va storto? Qui entra in gioco un aspetto fondamentale: la garanzia. Questa sorta di copertura sui prodotti acquistati è una forma di protezione che il consumatore ha nei confronti del venditore o del produttore, che si impegnano a intervenire in caso di difetti o malfunzionamenti non derivanti da un uso improprio del bene.

In Europa, la legge prevede una garanzia legale di due anni per i beni di consumo. Ciò significa che, in caso di difetti di fabbricazione o problemi che emergono nel corso dell'uso normale del prodotto entro due anni dall'acquisto, il consumatore ha il diritto di chiedere la riparazione o la sostituzione del prodotto, senza costi aggiuntivi. Tuttavia, le condizioni e la durata del periodo di garanzia possono variare a seconda del tipo di prodotto e del produttore. Ciò che non tutti sanno, però, è che la garanzia può essere richiesta anche in assenza di scontrino: ecco perché.

Compra un articolo in un negozio e la commessa lo avvisa di non perdere lo scontrino per la garanzia, ma le cose non stanno così
Lo scontrino è un documento che permette di attestare l'avvenuto acquisto del prodotto

Scontrino in negozio e garanzia: perché non sono sempre collegati

Massimiliano Dona è un avvocato molto attivo sui social e specializzato in difesa dei consumatori. Per questo, ha condiviso con i suoi follower un'esperienza che potrebbe essere molto utile per chi compra i regali durante il periodo delle feste. Infatti, Massimiliano si reca in un negozio, acquista un disco e la commessa gli spiega che per usufruire della garanzia di due anni è necessario conservare lo scontrino. "Lo fotocopio anche perché si scolorisce poi nei due anni", afferma l'avvocato, stando al gioco.

Una volta uscito dal negozio, però, rivela le cose come stanno. "Anche in assenza di scontrino la garanzia legale opera purché io possa provare, come in questo caso perché ho pagato con la carta, di aver comprato qui in questa data", ha spiegato Massimiliano Dona. L'avvocato, poi, ha anche risposto ha una potenziale critica dei follower sul fatto che poteva avvisare la commessa. "No, perché se il gioco non mi darà problemi, nessun problema, se il gioco nei due anni di garanzia mi darà problemi e avessi anche perso lo scontrino che comunque da bravo consumatore proverò a conservare, era inutile litigare con l'addetta di una catena alla quale sono state date queste istruzioni scorrettamente", ha spiegato Massimiliano.

LEGGI ANCHE: Roma, va al minimarket di quartiere, compra una busta di sale e mostra lo scontrino: "Ecco perché preferisco le grandi catene"