"Sembrava una semplice lastra di marmo, ma era tutt'altro": la sua vita cambia per sempre

Reperto rubato Pompei

In Belgio un uomo ha trovato in casa sua un reperto rubato da Pompei antica e considerato disperso dagli anni Settanta. Il padre l'avrebbe acquistato in Italia a un prezzo considerevole e murato in casa per oltre cinquant'anni. 

È successo a Tongeren, Belgio, quando Geert Detemmerman ha ritrovato la lastra di marmo acquistata dal padre 50 anni prima durante la vacanza in Italia. L'uomo, sul punto di vendere la casa di famiglia a causa del trasferimento del padre, ha verificato se nascondesse ancora quel misterioso oggetto pagato così tanto durante il viaggio in famiglia. Una volta riportato alla luce, Geert ha chiamato gli esperti del Museo Gallo-Romano di Tongeren per una verifica. Il reperto corrisponderebbe a un pezzo di marmo scomparso da Pompei negli anni Settanta, proprio quando il signor Dettemmerman l'avrebbe acquistato. Secondo la polizia, i due potrebbero ottenere un risarcimento in denaro per la buona conservazione del manufatto.

lastra marmo cambia vita
Il complementare del reperto ritrovato in Belgio, esposto all'Antiquarium di Pompei.

 

Il manufatto del 62 d.C. è un reperto rubato a Pompei

L'oggetto, ritrovato da Geert Detemmerman, era stato murato per 50 anni dietro una parete della casa di famiglia. La lastra di marmo sarebbe il pezzo mancante di un importante manufatto ritrovato in casa di un ricco banchiere di Pompei Antica. Le iscrizioni sono una testimonianza importante sul terremoto che scosse la città nel 62 d.C. Raffigurerebbe, come il suo complementare esposto all'Antiquarium di Pompei, alcuni edifici crollati durante il nefasto evento che precedette la tragica eruzione del Vesuvio. Il reperto scomparso negli anni Settanta, è stato già esaminato dagli esperti del Museo Gallo-Romano di Tongeren, che ne hanno confermato l'originalità. Adesso è attesa la visita di una delegazione del Parco Archeologico di Pompei per un'ulteriore conferma.

La polizia, arrivata in casa Detemmerman per fare gli accertamenti del caso, ha ricostruito insieme a Geert l'evoluzione della vicenda. Il manufatto sarebbe stato acquistato da suo padre negli anni Settanta durante una vacanza di famiglia. L'uomo ricorda che il padre pagò una cifra considerevole per la lastra di marmo, che riportò a casa in Belgio assolutamente in buona fede. Il reperto rubato, sarebbe stato murato in casa per circa 50 anni senza destare il minimo sospetto in Geert e nella sua famiglia. Adesso, potrebbero ottenere un risarcimento.

La lastra di marmo cambia la vita di Geert

Geert Detemmerman ha dichiarato in un'intervista che potrebbe ottenere un risarcimento per la buona conservazione del reperto. A illustrare tale possibilità è stata la polizia belga: “La polizia” - ha riferito Geert - “ci ha comunicato che probabilmente potremmo ottenere un risarcimento". Sembra davvero un controsenso, ma la vita del signor Detemmerman cambia per sempre perché: "Aldilà di tutto, l’opera è stata conservata qui per 50 anni senza che le accadesse nulla”.

Leggi anche: Emilia-Romagna, enoteca sul punto di chiudere: "Non ne posso più", il motivo è assurdo