Lombardia, il datore di lavoro chiede il test QI: "Non meno di 80", lo sfogo sui social: "Per questa mansione non serve"

Lombardia, il datore di lavoro chiede il test QI: "Non meno di 80", lo sfogo sui social: "Per questa mansione non serve"

Un datore di lavoro della Lombardia ha condiviso un annuncio in cui chiede ai candidati di sottoporsi a un test del QI, ma per la mansione richiesta non serve.

In Italia, il mondo del lavoro è un tortuoso labirinto: i candidati devono riuscire a farsi strada tra le tante sfide e incertezze che caratterizzano l'attuale clima economico del nostro Paese. Con un tasso di disoccupazione persistentemente elevato (7,8%), soprattutto tra i giovani (24,7%), trovare un impiego stabile e soddisfacente è diventato un traguardo sempre più arduo da raggiungere. I molti giovani e meno giovani che sono alla ricerca di un impiego si trovano a navigare in un mare di annunci di lavoro, spesso contraddistinti da condizioni poco chiare o poco vantaggiose. In questo contesto, un particolare annuncio di lavoro ha attirato la nostra attenzione, emergendo dal coro per la sua unicità in negativo e per le domande che solleva riguardo al mercato del lavoro attuale.

L'annuncio di lavoro in questione è stato pubblicato sui social in un gruppo nel quale è possibile condividere annunci strani, poco chiari o ambigui. Sin da subito il datore di lavoro dell'azienda della Lombardia con sede in provincia di Milano risulta essere molto duro. L'annuncio, infatti, ha molti 'No': No lavoro da casa, no part time, no assenteisti, no persone malate e con poca salute fisica e mentale. Proprio per quanto riguarda la salute mentale, ciò che rende questo annuncio unico è il requisito minimo. Il datore, infatti, afferma che i candidati dovranno sottoporsi a un test di matematica e logica figurale e, solo se otterranno un punteggio superiore a 80, potranno essere assunti.

Il lavoro dell'annuncio in Lombardia che richiede il test QI

A questo, tutti voi vi starete chiedendo che tipo di lavoro richieda il superamento di un test del quoziente intellettivo. Ebbene, si tratta di un semplicissimo addetto alle vendite. Il dipendente, infatti, dovrà supportare il cliente durante l'acquisto di prodotti della casa. Orientamento alla vendita, contatti con privati, rispondere a e-mail e chat. Questi sono i compiti del dipendente. Nulla di più, nulla di meno. Sorge, quindi, spontanea una domanda: a cosa serve il test QI per questo tipo di lavoro.

I membri del gruppo in cui è stato pubblicato lo strano annuncio non hanno per nulla apprezzato questo requisito, ritenuto inutile. "Il test QI se lo devono fare loro. Ma cosa pensano di lavorare alla NASA?", ha scritto un utente spazientito. "Test del QI per addetta vendita? Non intendo offendere perché anch’io l’ho fatto, ma mi sembra decisamente eccessivo", ha commentato un'altra ragazza. Un altro signore ha fatto notare che, probabilmente, l'azienda ha l'obbligo di assumere personale in categoria protetta e ha avanzato l'ipotesi che l'annuncio dovrebbe essere addirittura segnalato. E voi, cosa ne pensate?

Lombardia, il datore di lavoro chiede il test QI: "Non meno di 80", lo sfogo sui social: "Per questa mansione non serve"
Il testo dell'annuncio: occhio al requisito minimo!

LEGGI ANCHE: Bologna, l'annuncio di affitto indigna il web: "Perché accettate un monolocale a questo prezzo?"