Natale, quanto costa la spesa al supermercato? La differenza tra Nord e Sud è abissale

natale spesa 1

Natale, come cambia la spesa tra Nord e Sud. L'interessante servizio realizzato da Mattino Cinque: gli stessi acquisti al supermercato di Milano e Napoli, la differenza tra i due scontrini non è di poco conto

Natale: il periodo più bello, ma anche il più costoso dell'anno. Quello in cui il portafogli viene messo a dura prova, tra regali da mettere sotto l'albero per i propri cari, e la spesa per le giornate di festa. Considerando l'inflazione che ha colpito duramente il nostro paese nel corso di questo difficile 2023, quanto costa riempire il carrello del supermercato da Nord e Sud? Alla domanda risponde Mattino Cinque, trasmissione di Canale 5. Gli inviati del programma Mediaset hanno realizzato la spesa al supermercato a Milano e Napoli, acquistando i medesimi prodotti. I due scontrini a confronto fanno emergere una differenza sostanziale.

Vediamo innanzitutto quali sono i prodotti acquistati. Il primo a fare la spesa è Raffaele Auriemma, inviato di Canale 5 a Napoli. Auriemma acquista una confezione di macinato di pollo e tacchino, pagandola 4,17 euro, 1 chilo di mela annurca campana, dal costo di 1.98 euro. Con 1.35 euro compra ancora una bottiglia di passata di pomodori, mentre 1 litro di latte fresco viene a costare 1.95 euro. L'olio di semi di arachidi pagato 3.38 euro, un cavolfiore 2.28 euro, una busta di patate da 2 chili, 1.98 euro. Infine, una confezione di uova allevate a terra, 2.10 euro. Il totale di questa spesa realizzata in un supermercato di Napoli è di 33 euro e 61 centesimi. Vediamo la stessa spesa, a Milano.

natale spesa
L'inviato di Mattino Cinque mostra la spesa realizzata a Napoli

Natale, la spesa a Napoli e a Milano: la differenza abissale

L'inviato di Mattino Cinque a Milano è invece Marcello Piazzano. Il giornalista realizza la stessa spesa fatta da Auriemma, in un supermercato come quello napoletano, in due zone delle due città che la trasmissione ha ritenuto essere affini.
Ebbene, gli stessi prodotti acquistati a Napoli per un totale di 33 euro e 61 cent, a Milano vengono a costare 42 euro e 18 centesimi. La differenza tra i due scontrini è piuttosto importante: 9 euro, pari al 27%.

Non è di certo una sorpresa che la vita al Nord, specie in una metropoli come Milano, sia più cara rispetto al Sud. Napoli, inoltre, è una città in cui i prezzi, soprattutto degli alimenti, hanno sempre conservato un tetto piuttosto popolare. Anche se, a dire il vero, le cose di recente stanno cambiando anche nel capoluogo campano, che sta vivendo un momento d'oro dal punto di vista turistico. I prezzi crescono, ma certamente non sono ancora così alti come a Milano.

LEGGI ANCHE >>> Covid, perché ci stiamo contagiando di nuovo? Come proteggerci a Natale