"Percepivo il reddito di cittadinanza, ora lavoro in nero a 7 euro l'ora": la storia di Jessica dalla Campania

reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza, la testimonianza di una giovane donna ex percettrice del sussidio: da quando è stata ridotta la platea di aventi diritto, Jessica è senza lavoro, e senza soldi

Non ci sono ancora dati ufficiali in merito, ma, da quando il governo di Giorgia Meloni ha sfoltito, e di molto, la platea di aventi diritto al reddito di cittadinanza, molte persone si sono ritrovate senza nemmeno un sussidio minimo sufficiente a tirare avanti. Si tratta di tutti coloro che sono rientrati nella categoria di occupabili, e cioè di persone in grado di lavorare. Il problema, però, in determinate zone d'Italia, è che, pur volendo, di lavoro non ce n'è.
A Mattino Cinque, la testimonianza di Jessica, una ragazza di 27 anni originaria di Caserta, in Campania, che ha scelto di raccontare la sua esperienza. Da percettrice del reddito a disoccupata senza nessuna entrata fissa.

reddito di cittadinanza (2)

Reddito di cittadinanza, la testimonianza di Jessica

Fino a poco tempo fa, Jessica usufruiva del reddito di cittadinanza, con cui riusciva a mantenere il suo nucleo familiare, costituito da lei e dal suo fidanzato. Il reddito, testimonia la giovane, ammontava a 980 euro. “Togliendo affitto, bollette e spese per la casa, a fine mese mi restava nulla. Non ho usufruito del reddito di cittadinanza per nessuno ‘sfizio’: tutto ciò che facevo era per sopravvivere, non per vivere. Lo scorso luglio ho percepito l'ultima mensilità, dopodiché sono stata contattata dal centro dell'impiego per poter usufruire dei corsi di formazione. Sempre a luglio ho seguito le prime lezioni: il corso è terminato circa una settimana fa, ma dal 25 settembre, giorno in cui ho fatto domanda per percepire 350 euro, mi hanno detto che per avere questa cifra dovevano trascorrere 30 giorni. Sono passati abbondantemente, e non ho percepito ancora un euro", racconta la 27enne.

"Allora ho chiamato l’Inps, ho contattato il centro per l’impiego, che però non mi ha saputo dare nessun tipo di informazione. Siamo stati lasciati abbandonati a noi stessi: dobbiamo sbrigarci ogni cosa da noi, perché il Caf nemmeno ci ha fornito alcuna spiegazione, dal momento che tra loro i vari servizi non comunicano". Il corso seguito dalla 27enne, come ha raccontato al conduttore di Mattino Cinque, Francesco Vecchi, è quello da onicotecnica, vale a dire una sorta di estetista specializzata nella cura dell’unghia.

"Nessuna offerta di lavoro"


Dopo lo stop, per lei, del reddito di cittadinanza, ad oggi, purtroppo, nessun offerta di lavoro è ancora arrivata alla ragazza. La quale spiega di essere, inoltre, in attesa di ricevere l’attestato di fine corso, senza il quale non può iniziare a lavorare. “In passato ho fatto anche un corso da privato come massaggiatrice, ma non mi permette di trovare lavoro, perché qui a Caserta cercano solo estetiste complete, che sappiano fare già tutto. I quindi sono penalizzata per questo".

Al momento, sia Jessica che il fidanzato, che di mestiere fa l’imbianchino, lavorano in nero. Lei, invece, attualmente “per vivere sto svolgendo il lavoro di collaboratrice domestica a 7 euro l'ora, che non mi permette di vivere. Non ci siamo mai concessi vacanze né alcunché: ogni euro speso era solo per la casa".

LEGGI ANCHE >>> Bonus Irpef e Reddito di Cittadinanza, le indennità arriveranno prima del previsto: ecco quando