Attacco a Israele, Zelensky punta il dito: "Il mondo intero sa chi lo ha organizzato"

Attacco a Israele, Zelensky punta il dito: "Il mondo intero sa chi lo ha organizzato"

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato un paese di aver organizzato e sponsorizzato l'attacco a Israele.

L'inaspettato attacco dei miliziani di Hamas contro Israele si inserisce in un contesto internazionale già di per sé molto teso. Nel mondo, infatti, sono in corso tantissimi conflitti e guerre che ogni giorno distruggono tantissime vite umane. La guerra più seguita in Italia, ovviamente, è quella tra Russia e Ucraina. Da ormai più di un anno e mezzo, a due passi da casa nostra, è in corso un'atroce guerra di aggressione da parte della Russia. L'Ucraina ha resistito tenacemente e con coraggio a questo atto che viola la sovranità e l'indipendenza del paese. Ciò è stato possibile grazie al supporto militare, finanziario e umanitario dei paesi alleati (Stati Uniti e membri della Nato, Italia compresa, in primis).

Cosa è successo in Israele

Ieri mattina, del tutto inaspettatamente, i miliziani di Hamas hanno sferrato un attacco a sorpresa contro Israele. I paramilitari palestinesi hanno lanciato più di 5.000 missili sulle città israeliane. Drappelli armati hanno effettuato incursioni negli insediamenti israeliani al confine con la Striscia di Gaza, prendendo un numero imprecisato di persone in ostaggio. In seguito a questi drammatici avvenimenti, il presidente israeliano Benyamin Netanyahu ha annunciato l'inizio di una vera e propria guerra contro i "terroristi" che porterà Israele alla vittoria. Tra i palestinesi e gli israeliani si contano già più di 500 morti e 3.000 feriti e il bilancio sarà destinato ad aumentare.

Zelensky sull'attacco di Hamas contro Israele

Risulta chiaro che Hamas, da solo, non sia stato in grado di organizzare un attacco così articolato e complesso. Il movimento paramilitare palestinese, infatti, ha già comunicato di essere stato aiutato dall'Iran, storico nemico di Israele, nell'organizzazione dell'attacco. Il presidente ucraino Zelenksy, però, ha puntato il dito contro un altro paese. In un messaggio rivolto ai propri concittadini, Zelensky ha condannato duramente l'attacco definito "terrorista" di Hamas e ha comunicato di aver istituito un quartier generale operativo per seguire la situazione nel Ministero degli Esteri ucraino.

Zelensky, inoltre, ha affermato che la notizia della possibile morte di un cittadino ucraino è in fase di verifica, così come quella della scomparsa di altri due cittadini del paese. Il presidente ucraino, poi, ha puntato il dito contro la Russia. Infatti, ha detto Zelensky, "l'attacco terroristico di oggi contro Israele è stato ben preparato e tutto il mondo sa quale paese sponsor del terrore possa averlo incoraggiato e organizzato". Il presidente ucraino non ha menzionato direttamente la Russia, ma è chiaro che l'accusa sia rivolta proprio contro Mosca. La Russia, tuttavia, sin da ieri, ha condannato l'escalation e ha chiesto alle fazioni nemiche, con cui è in contatto, di raggiungere quanto prima possibile il cessate il fuoco.

LEGGI ANCHE: Guerra in Israele, parla il generale Paolo Capitini: "Questa è la cosa davvero inspiegabile"