Pogba, stipendio a rischio: lo sfottò dei social

Pogba è nei guai e i social lo prendono in giro. Dopo la positività al testosterone riscontrata a seguito dei controlli antidoping c'è attesa per capire quale sarà il destino del calciatore francese alla Juventus.

Se dovesse essere accertata la volontarietà del gesto di Pogba insieme all'ulteriore positività delle controanalisi il calciatore potrebbe essere sospeso dalla società che potrebbe tagliargli lo stipendio. Dagli attuali 8 milioni di euro netti a stagione, che equivalgono a circa 670mila euro al mese, il calciatore potrebbe percepire il minimo sindacale previsto.

Pogba, crollo dei guadagni?

Ma a quanto ammonta lo stipendio minimo sindacale previsto dalla legge? Lo stipendio minimo per un calciatore di Serie A è di circa 2000 euro al mese e quindi Paul Pogba rischia di passare ad un ingaggio milionario ad un normale stipendio di una persona qualunque. Intendiamoci, guadagnare 2000 euro al mese consente di condurre una vita di tutto rispetto. Ma gli introiti esorbitanti guadagnati da atleti come Pogba ci costringono a considerare questa cifra in maniera diversa. Attualmente in Serie A quasi nessun calciatore guadagna il minimo salariale e quindi Paul Pogba andrebbe a costituire un quasi unicum nel campionato italiano. Se questa ipotesi dovesse verificarsi probabilmente non sarà la fine dal punto di vista economico, ma sul piano della carriera probabilmente sì.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti)

 

L'ironia dei social

Non appena è stata comunicata la possibilità che Pogba possa arrivare a guadagnare appena 2000 euro al mese sui social si è scatenata l'ironia degli utenti appassionati di calcio e non. "Sto pensando di risultare positivo anch'io per raddoppiare lo stipendio", scrive un utente che, implicitamente, dichiara di guadagnare circa un migliaio d'euro al mese pur lavorando molte ore in più rispetto ad un calciatore. E poi ancora un "Va bene lo stessoooooh" di un utente che sceglie di citare la famosa frase del presentatore e conduttore televisivo Valerio Lundini. Sulle pagine social dedicate ai meme sul calcio i commenti si sono sprecati e il commento più gettonato è stato: "Guadagna comunque più di me". Una storia che fa ridere ma anche riflettere.

Gli sviluppi del caso Pogba

Adesso non resta che chiarire come si evolverà la vicenda. A quanto si apprende da fonti vicine al giocatore, Pogba non ha ancora effettuato la richiesta delle controanalisi al tribunale antidoping. Questa domanda però, può essere presentata entro tre giorni dall'avvenuta positività e quindi al calciatore francese restano ancora poco più di 24 ore per procedere all'istanza. Il tutto in un clima di estrema incertezza. La Juventus è pronta ad adottare le giuste contromisure ma i pareri sull'assunzione di testosterone da parte dell'ex Manchester United arrivano anche dalla nazionale francese. Il Ct dei transalpini Didier Dechamps, durante una conferenza stampa ha dichiarato: "Non riesco a credere che abbia scelto di fare una cosa del genere volontariamente" non nascondendo il proprio stupore.

LEGGI ANCHE >>> Un ex Inter lascia il calcio, ecco cosa farà