disney+ serie cucina

Su Disney+ c'è una serie imperdibile per chi ama la cucina: titolo e trama

Siete in cerca di nuove serie tv da guardare? Su Disney+ ce ne è una da non perdere, incentrata intorno al mondo della cucina e agli incubi della ristorazione. Titolo e trama

Quanti di voi, appesi al chiodo infradito e racchettoni, sono già in modalità pantofole-telecomando-divano? Se siete di nuovo caduti nel vortice delle serie tv da non perdere e amate restare aggiornati su tutte, ma proprio tutte le ultime uscite del momento, abbiamo qualcosa da suggerirvi. Premessa: il consiglio di oggi interesserà soprattutto gli amanti della cucina, e gli appassionati di ristorazione. Ma la serie tv di cui vi stiamo per parlare non ha nulla di già visto, anzi: un vero e proprio gioiellino di regia dalla trama avvincente.

Disney+, la serie tv da guardare a settembre: The Bear

Vi siete mai chiesti che cosa succede nella cucina di una paninoteca? E nella cucina di una paninoteca di Chicago? La risposta è: il caos. La serie tv da guardare a settembre su Disney+ è The Bear, di cui in Italia è appena uscita la seconda stagione. Un successo planetario, che nel nostro Paese forse non ha trovato l'accoglienza che questa serie statunitense, ideata da Christopher Storer, ha ricevuto nel resto del mondo. La popolarità raggiunta, ha confermato il talento di Jeremy Allen White, l'attore protagonista di The Bear, già volto di Shameless, in cui interpretava i panni di Lip Gallagher.
Allen White in The Bear è Carmy, uno chef talentuosissimo, tormentato da grossi problemi personali, e da una missione che rischia di portarlo all'autodistruzione.

disney+ serie cucina
L'attore Jeremy Allen White nei panni di Carmy, qui, disperato, nella cucina del suo nuovo ristorante.

La trama

Gli appassionati di cucina possono apprezzare questa serie, perché racconta, andando del tutto contro l'immaginario idilliaco a cui siamo abituati a pensare, l'inferno che può diventare un locale mal gestito. E, dall'altro lato, il miracolo che può fare un po' d'organizzazione e, soprattutto, il donare un po' di fiducia nelle persone.
Siamo in un quartiere difficile di Chicago, dove le band di spacciatori si contendono i marciapiedi a suon di risse quotidiane, e dove esplodere in aria un paio di proiettili per sedare una scazzottata non appare un gesto poi così estremo.

In questo contesto si muove l'impresa folle di Carmy, uno chef stellato dai mille tormenti interiori, che cerca uno sprazzo di felicità nella missione che, suo malgrado, ha ereditato dopo un dramma che ha distrutto la sua vita, e la sua famiglia. Gestire un locale completamente allo sbando, che in mille occasioni lo porterà vicino alla disperazione: non si contano le scene in cui Carmy si passa le mani tra i capelli, paralizzato dallo stress.

La regia: un piccolo capolavoro

Oltre alle prove attoriali e alla trama sicuramente avvincente, quello che sconvolge di questa serie è il ritmo. Non esageriamo sostenendo che in alcune puntate il vostro cuore martellerà in petto come un tamburo impazzito: risultato dell'adrenalina che la regia e il montaggio, incalzati da una musica assordante, arriva dritta in vena dallo schermo, e lascia il telespettatore atterrito, e quasi stanco.

La prima stagione di The Bear è composta da 8 episodi che si bevono: si finisce anche in due serate, vista la durata breve degli episodi (30 minuti, più o meno). La seconda stagione? Dieci episodi. Basta, non vi diciamo niente più: correte a vederla.

LEGGI ANCHE >>> Disney, il luogo del film "La Bella e la bestia"; esiste: la testimonianza di un tiktoker è virale