venerdì, Settembre 29, 2023
HomeDi TendenzaAbruzzo, bar va in ferie e lo annuncia con uno scontrino: "Siamo...

Abruzzo, bar va in ferie e lo annuncia con uno scontrino: "Siamo caduti nella trappola"

Un bar in Abruzzo ha deciso di annunciare le ferie ai clienti cavalcando la mania sugli scontrini dell'estate.

Comunicare ai clienti la chiusura temporanea per le vacanze estive in maniera originale può rivelarsi una geniale mossa di marketing. In questo articolo, vi abbiamo raccontato di un simpatico cartello per annunciare le ferie con cui il titolare di un negozio di telefonia a Torino ha voluto lasciare i clienti con il fiato sospeso. Ma il proprietario di un bar di Ortona, comune in provincia di Chieti, in Abruzzo, ha avuto un'idea ancora più geniale. Per comunicare la chiusura per le ferie estive ha cavalcato la mania per gli scontrini che ha colpito l'Italia quest'estate.

Ormai, pubblicare la foto degli scontrini è diventata una consuetudine. Scontrini troppo cari, scontrini troppo economici. La polemica è assicurata in ogni caso. In questo articolo, per esempio, abbiamo riportato la testimonianza di un turista italiano in Albania che ha voluto condividere lo scontrino per un pranzo a base di pesce. In quest'altro articolo, invece, abbiamo raccontato la storia di un ex sindaco di un comune pugliese che ha voluto mostrare uno scontrino che smentisce la polemica sul caro prezzi in Puglia.

Lo scontrino del bar in Abruzzo per comunicare le ferie

Il titolare di un bar abruzzese, invece, ha usato uno scontrino in maniera del tutto originale, ovvero per avvisare della chiusura dell'attività per le ferie estive. Il prezzo totale dello scontrino è esorbitante: 1,727 euro. Cosa bisognerebbe acquistare in un bar per spendere una cifra del genere? Forse tutto quello che c'è in vendita. Ma le voci dello scontrino risultano solo 8.

Nello scontrino figura un "caffè deca macchiato soia poca schiuma" a 25 euro. Poi, un "cornetto vuoto con marmellata" a 22 euro. Una "pizza rossa senza pomodoro" a 15 euro. "Lo sconto", che in realtà fa lievitare il prezzo di 210 euro. Il servizio "Veloce...ma al tavolo", invece, costa 55 euro. La domanda "Hai le mani pulite?" aggiunge al prezzo totale 400 euro. Chiedere se "I cornetti sono di oggi?" costa 1.000 euro. Le "Ferie", invece, sono gratuite.

Abruzzo, bar va in ferie e lo annuncia con uno scontrino:
La foto dello scontrino pubblicata su Facebook dal titolare del bar

Uno scontrino tutto da ridere. Ah, quasi dimenticavo, il conto è stato pagato in contanti! Ma non è finita qui. In basso allo scontrino, il titolare del bar ha scritto: "Siamo in ferie dal 11/09 al 20/09. Mò fate 'sta foto e lamentatevi". Nel post su Facebook, poi, ha aggiunto: "ANCHE NOI SIAMO CADUTI NELLA TRAPPOLA DELLO SCONTRINO KILLER!".

Insomma, il titolare di questo bar in Abruzzo ha usato la polemica sugli scontrini per annunciare le ferie in modo divertente e, perché no, farsi pubblicità. E, molto probabilmente, ci è riuscito.

LEGGI ANCHE: Olanda, italiano mostra lo scontrino per la frutta: "E gli stipendi sono il doppio dell'Italia"