sabato, Settembre 30, 2023
HomeDi Tendenza"Mi sono trasferita in Corea del Sud, quanto chiedono di caparra per...

"Mi sono trasferita in Corea del Sud, quanto chiedono di caparra per affittare un appartamento"

Quanto occorre lasciare di caparra per un appartamento in affitto in Corea del Sud? Parla un'influencer romana che si è trasferita da poco.

La content creatori Ilamakeup sta spiegando sulla sua piattaforma tutto per intraprendere un'esperienza proprio come la sua: viaggiare o addirittura trasferirsi in Corea del Sud. Può essere un'esperienza affascinante e gratificante. Tuttavia, è importante essere preparati per le sfide e le differenze culturali che è possibile incontrare lungo il percorso (QUI un esempio significativo). Occorre essere sicuri di avere il visto appropriato per vivere lì. Ci sono vari tipi di visti, tra cui visti per lavoro, visti per studio e visti per soggiorni a lungo termine. Occorre ottenere il visto corretto in base allo scopo di soggiorno.

Il costo della vita in Corea del Sud può variare notevolmente in base alla città in cui si vive. Seoul la capitale, è generalmente più costosa rispetto ad altre città. Il prezzo dell'alloggio, dei trasporti e del cibo può essere significativo, ma con i giusti consigli e accorgimenti, si riesce a sopravvivere. L'influencer ha risposto a qualche domanda dei più curiosi e si è aperta sulla questione affitto, casa e contrattazione con i proprietari. Ha rivelato come funziona il meccanismo della caparra, ovvero il 'deposito' da lasciare prima della stipula definitiva del contratto per trasferirsi.

Corea del Sud: la caparra chiesta per affittare un appartamento

"Ho messo 10 milioni di won di deposito, sono circa 7mila euro. Il proprietario di casa li tiene fermi con tanto di carte firmate. Una volta che il contratto d'affitto finisce, i soldi vi vengono restituiti. Vi consiglio di mettere un deposito alto per pagare meno di affitto in una casa nuova, carina e con tante stanze e non il classico che trovate a Seoul, molto più piccolo. Come ho fatto io, anche se la cifra che ho dato è la base. Questi sono i requisiti". Questo quanto spiegato dall'influencer in uno degli ultimi video su Youtube in cui ha risposto alle domande degli utenti. Principalmente le hanno chiesto della casa in cui vive e come si è regolata per affittarla.

corea del sud
Ilamakeup nella sua nuova vita in Corea del Sud

Nonostante ne abbia parlato con estrema disinvoltura e naturalezza, forse non ha effettuato un confronto con l'Italia e le normali caparre chieste per affittare un appartamento. Vero che le somme richieste sono schizzate raggiungendo dei livelli astronomici: di solito vengono messi avanti circa tre mesi della cifra che ogni mese deve poi essere cacciata per vivere nell'appartamento. 7mila euro d'anticipo, pur se poi indietro una volta cessi il periodo di contratto, è una spesa che non tutti possono permettersi nel nostro paese, figurarsi dall'altra parte del mondo. Vero che al contrario di quel che sostengono in molti, vivere in Asia comporta una spesa non differente: per questo è opportuno valutare ogni cosa prima di compiere un passo de genere.

LEGGI ANCHE>>>Corea, quello che vendono nei negozi è impensabile: la dimostrazione di una youtuber italiana