sabato, Settembre 30, 2023
HomeLifestyleL'inevitabile destino dell'Etna: un viaggio attraverso le sue eruzioni

L'inevitabile destino dell'Etna: un viaggio attraverso le sue eruzioni

Sono ore di terrore in Sicilia, ma soprattutto a Catania. Dopo la sventura che ha colpito l’isola a causa degli incendi, ecco che anche l’Etna torna a destare segni di vita. Ma le eruzioni dell'Etna sono state documentate a partire dal 1500 a. C., quando eruzioni freatomagmatiche spinsero le popolazioni che vivevano nella parte orientale dell'isola a migrare verso la sua estremità occidentale.

Da allora il vulcano ha subito più di 200 eruzioni, anche se la maggior parte sono state moderatamente piccole.

Eruzione Etna: cosa sapere

L'origine dell'Etna in questo punto della Sicilia è dovuta alla particolare situazione tettonica dell'Italia meridionale. Infatti, il sottosuolo della Sicilia è tutt'altro che stabile. Nel Mar Mediterraneo a sud dell'isola corre il confine tra Africa ed Europa. Una parte della placca africana spinge sotto il continente europeo e si scioglie nel mantello terrestre.

Etna: cosa sapere
L'Etna prima e dopo l'eruzione

Lungo la costa occidentale d'Italia si erge il dorsale montuoso degli Appennini. L'eruzione più potente registrata dall'Etna risale al 1669, quando le esplosioni distrussero parte della sommità e le colate laviche da una fessura sul fianco del vulcano raggiunsero il mare e la città di Catania, a più di dieci miglia di distanza. Questa eruzione è anche ricordata come uno dei primi tentativi di controllare il percorso del flusso di lava.

I cittadini catanesi scavarono un canale che drenava la lava lontano dalle loro case, ma quando la lava deviata minacciò il villaggio di Paternò, gli abitanti di quella comunità scacciarono i catanesi e li costrinsero ad abbandonare i loro sforzi.

Quante volte ha eruttato

Un'eruzione nel 1775 produsse grande paura quando il materiale caldo sciolse la neve e il ghiaccio sulla sommità, e un'eruzione estremamente violenta nel 1852 produsse più di 8 milioni di metri cubi di lava e coprì più di tre chilometri quadrati i fianchi del vulcano in flussi di lava. L'eruzione più lunga dell'Etna iniziò nel 1979 e durò tredici anni; la sua ultima eruzione è iniziata nel settembre 2013 ed è ancora in corso.

L'Etna ha prodotto diverse grandi eruzioni laterali praticamente ogni secolo. Nel XX secolo le eruzioni del 1928, 1950, 1971, 1981, 1983 e 1991 sono state oggetto di studio.

Etna: curiosità, caratteristiche e quante volte è esploso
Cosa si nasconde dietro all'eruzione dell'Etna

Negli anni 2001, 2002 e 2003 ci sono state grandi eruzioni laterali, dove sono state distrutte diverse abitazioni e sono emersi due grandi coni craterici vicino al complesso centrale.

Il ciclo eruttivo più recente è iniziato nel gennaio 2011. Nel giro di un anno si sono verificate 19 eruzioni parossistiche in cui è emerso il "Nuovo cono del cratere di sud-est". I parossismi si riferiscono a eruzioni vulcaniche che iniziano lentamente e dopo un breve intermezzo aumentano rapidamente fino a un'eruzione acuta e spesso terminano bruscamente dopo meno di un'ora.

Nell'agosto 2021, l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha riferito che una serie di circa 50 piccole eruzioni all'inizio del 2021 ha aggiunto circa 30 metri all'elevazione dell'Etna. La nuova elevazione di 3.357 metri è la più alta determinata del vulcano nella storia registrata.

LEGGI ANCHE>>> Catania, è questo il camion più raffinato di sempre? La scritta esilarante aggiunta dal proprietario sul retro