Roma, 'Free Park' colpisce ancora: stavolta il modus operandi è diverso

Roma free park

'Free Park' è diventato l'incubo degli automobilisti incivili di Roma. In mattinata, è arrivata una nuova segnalazione dal Quadraro, la quinta diversa documentata in meno di un mese. Stavolta la scritta con la bomboletta spray ha qualcosa di leggermente diverso rispetto ai primi colpi.

Dopo anni e anni di proteste verbali, qualcuno si è stancato del parcheggio selvaggio ed è passato ai fatti. Nelle ultime tre settimane, sono stati documentati ben quattro casi di automobili sfregiate da qualcuno che si firma come 'Free Park'. La persona in questione (ma potrebbe benissimo esserne più di una) scrive proprio 'Free park' a caratteri cubitali sulle macchine parcheggiate fuori dalle strisce o sugli stalli riservati ai disabili prive di permesso. Una sorta di giustiziere.

La prima segnalazione risale al 25 giugno e TuttoNotizie è stato uno dei primissimi siti italiani a scriverne. Nei giorni seguenti, la scritta 'Free Park' è comparsa altre tre volte su altrettante automobili parcheggiate in maniera illegale. Molti credevano che il primo episodio fosse isolato e che il writer anonimo non sarebbe mai più tornato a colpire. Eppure, tra fine giugno e la prima decade di luglio, le due parole inglesi sono comparse su altre tre auto a Roma. Nella notte tra domenica 9 e lunedì 10 luglio, 'Free park' ha lasciato la sua impronta indelebile - è proprio il caso di dirlo - sulla quinta macchina, anche stavolta zona Quadraro.

Free Park colpisce ancora: cosa sta succedendo a Roma?

Dopo il terzo episodio, la polizia ha avviato un'indagine. Si stanno analizzando tutte le telecamere di via Marco Decumio, via Selinunte e via Opita Oppio, dato che gli episodi di vandalismo si sono verificati tutti in questo angolo di Roma. Stando alle prime indiscrezioni, più che di colpevole, si potrebbe parlare di colpevoli: la calligrafia delle scritte non sarebbe la stessa. Se venisse identificato, 'Free Park' potrebbe essere denunciato per danneggiamento di proprietà altrui. Quel che è certo è che il giustiziere non intende fermarsi: nella notte ha messo, ancora una volta, la sua firma su un'auto all'apparenza parcheggiata male.

Free Park colpisce ancora: ecco la quinta auto vandalizzata a Roma. Fonte: welcometofavelas_4k - Instagram
Free Park colpisce ancora: ecco la quinta auto vandalizzata a Roma. Fonte: welcometofavelas_4k - Instagram

Il colpo numero 5 ha qualcosa di leggermente diverso rispetto agli altri: stavolta il writer ha imbrattato la parte superiore del veicolo; nei quattro episodi precedenti, lo aveva fatto sulla fiancata. Che il parcheggio selvaggio sia un grosso problema per la vivibilità di Roma è innegabile, ma scrivere con una bomboletta spray sulle auto è un reato. Spesso ci si lamenta dei graffi lasciati dai parcheggiatori abusivi quando qualcuno si rifiuta di pagarli. Questo modus operandi è diverso, ma solo fino a un certo punto. Quando si fermerà Free Park? Bisognerà che intervenga la polizia o sarà lui a dire "basta" qualora sentisse che il messaggio è passato forte e chiaro?

LEGGI ANCHE: "Più che un parcheggio, un reato", a Roma c'è il vincitore ufficiale della peggiore sosta del 2023