roma parcheggio selvaggio

Roma, parcheggia male e qualcuno gli lascia un ricordo sull'auto (altro che bigliettini)

A Roma, qualcuno ha parcheggiato in maniera incivile, occupando anche uno spazio dedicato ai disabili. Un residente della capitale, per risposta, gli ha lasciato un ricordo sulla carrozzeria... indelebile. Altro che bigliettini con insulti.

La mobilità a Roma potrebbe cambiare radicalmente a fine 2023. Chi vive nella capitale lo sa: ogni giorno, tra traffico, parcheggi selvaggi e atti di inciviltà vari, lo stress arriva a livelli altissimi. Anche allo scopo di abbassare la concentrazione di polveri sottili, la giunta comunale ha istituito un'enorme zona a traffico limitato, che da novembre renderà molto più difficile girare in auto per le auto con motore da Euro 4 in giù. I veicoli a quattro ruote più datati non potranno più circolare in molte zone di Roma nelle ore centrali.

Per far abituare in maniera graduale il popolo romano a questa novità potenzialmente epocale, nei primi dodici mesi ci potranno essere deroghe per le auto più attempate. La giunta Gualtieri sta pensando a un numero limitato di ingressi annuali oppure a un numero massimo di chilometri mensili per le Euro 3, 2, 1 e 0 in ZTL. Presto il Comune di Roma pubblicherà tutti i dettagli, ma appare certo che dal 1° novembre la mobilità romana cambierà. Visto il numero ridotto di auto che circoleranno nella capitale, diminuirà anche il fenomeno della sosta selvaggia?

Roma, la sosta selvaggia viene punita in maniera indelebile

Sicuramente deve migliorare il senso civico dei romani e in generale delle persone che abitano nella capitale. Di parcheggi selvaggi a Roma ne abbiamo pubblicati in quantità su questo sito; l'ultimo è un serio candidato al premio di vincitore della peggiore sosta del 2023. Nelle scorse ore, un SUV bianco ha parcheggiato in maniera parecchio selvaggia su delle strisce gialle, senza averne il diritto. Un residente di Porta Furba ha pensato di punirlo scrivendo alcune cose con la bomboletta spray. Stavolta la tolleranza è stata zero: no bigliettini con insulti in romanesco o riferimenti al mestiere della madre dell'incivile. Il writer in erba ha optato per una grossa scritta che occupa gran parte della fiancata destra del SUV bianco.

A Roma, il parcheggio selvaggio è stato punito in maniera... evidente. Fonte: welcometofavelas_4k - Instagram
A Roma, il parcheggio selvaggio è stato punito in maniera... evidente. Fonte: welcometofavelas_4k - Instagram

Porta Furba è poco fuori dal centro, nel quartiere Tuscolano, zona Roma Est. Non è chiaro cosa intendesse l'autore della scritta. 'Free' in inglese vuol dire sia 'libero' che 'gratuito'. (To) 'Park' come verbo è 'parcheggiare', mentre il sostantivo 'parcheggio' si rende con la parola 'parking'. Forse intendeva "Parcheggio gratis" in maniera sarcastica, dato che notoriamente sulle strisce per disabili non si paga (a patto che si abbia un contrassegno valido, ovviamente)? Difficile da dire. Quel che è certo è che il proprietario del SUV dovrà sborsare diverse decine di euro per coprire le scritte. Forse ha imparato la lezione e in futuro non lascerà così male la sua macchna?

LEGGI ANCHE: Roma, spunta il neopatentato più sincero della città: il doppio cartello (esilarante) dietro la sua auto