Polizia

Parcheggi selvaggi, la polizia inizia a multare e umiliare pubblicamente gli autori: dove è successo

Quello del parcheggio selvaggio è un problema all'apparenza senza risoluzione. Gli anni passano, ma certe situazioni si ripetono, tutti i giorni a tutte le ore. Ecco, allora, che un dipartimento di polizia ha optato per una soluzione drastica: umiliare pubblicamente chi si rende protagonista di violazioni del Codice della strada.

Chi non è più giovanissimo ricorderà sicuramente le profezie circa le auto volanti che, nel nuovo millennio, avrebbero invaso le città italiane. Al di là di qualche modello in fase sperimentale, nel 2023 il parco auto è formato quasi esclusivamente da veicoli con quattro ruote ben piantate sull'asfalto. Non solo: per via della guerra in Ucraina, le forniture di macchine nuove sono state rallentate e il parco auto italiano, già 'avanti' con l'età, è ulteriormente inveccchiato.

Insomma, nel giugno del 2023 la situazione non è poi così differente rispetto all'inizio del millennio. Tante auto che circolano su strade spesso costruite cento anni fa possono portare a inquinamento e sovraffollamento. E non solo: i disagi vengono vissuti anche da persone su sedie a rotelle, che spesso trovano il marciapiede bloccato da un'auto in sosta selvaggia, non potendo dunque muoversi. Chi vive in una grande città sa esattamente di cosa parliamo. In Italia le segnalazioni quotidiane sono numerose, come l'ultima relativa a un parcheggio folle effetuato a Milano. Cosa fare dunque? La saggezza popolare ci insegna che per mali estremi servono estremi rimedi. Un dipartimento di polizia ha iniziato a umiliare pubblicamente gli 'autori' dei parcheggi selvaggi.

La polizia umilia i colpevoli della sosta selvaggia

La polizia del quartiere Soho di Birmingham ha avviato un'operazione speciale lo scorso weeekend. A seguito delle numerose lamentele da parte dei residenti, diversi agenti sono scesi in strada per multare e fotografare le auto in sosta selvaggia. Gli scatti sono finiti sul profilo Twitter Soho Road Police. Si vedono numerose macchine parcheggiate sul marciapiede che intralciano il passaggio dei pedoni. Non solo: l'account Twitter si è anche divertito a dare il premio di 'peggior parcheggio del giorno' a un'auto che era per metà sul marciapiede e per metà sulla carreggiata, dando fastidio sia ai pedoni che agli altri automobilisti.

L'evidente presa in giro all'automobilista: "Siamo sicuri che abbia la patente?". Fonte: sohoRoadWmp
L'evidente presa in giro all'automobilista: "Siamo sicuri che abbia la patente?". Fonte: sohoRoadWmp

Non mancano altri esempi di auto parcheggiate male che sono state multe e fotografate per poi finire sul profilo Twitter sopracitato. La speranza della polizia locale di Birmingham è che post del genere scoraggino altri residenti a pensare che quei pochi minuti di sosta selvaggia, in fondo, siano perdonabili. Se esistono delle regole, è perché devono essere rispettate per il bene di tutti. Se ognuno pensasse alla propria comodità, le città sarebbero piene di auto in doppia e tripla fila. Quando si è parte di una comunità, si mette da parte l'io e si ragiona con il 'noi'.

LEGGI ANCHE: Como, da un parcheggio pubblico arriva una segnalazione esilarante: "L'italiano paga, lo svizzero scrocca"