roma le iene

Roma, Nicolò De Devitiis de Le Iene spiega come i 'tassisti selvaggi' scelgono i clienti: gli incredibili dettagli

Nicolò De Devitiis, inviato de Le Iene, è tornato a parlare dei tassisti abusivi di Roma in un servizio davvero particolare

Anche ieri, nell'anniversario della Liberazione d'Italia dal nazifascismo, è andata in onda una puntata de Le Iene. Tra i servizi più interessanti trasmessi nel corso del noto programma Mediaset, c'è sicuramente quello realizzato da Nicolò De Devitiis. Il conduttore romano ha continuato la sua inchiesta dedicata ai taxi selvaggi nella Capitale, che già da mesi interessa e colpisce i telespettatori di tutta Italia. In un articolo precedente, avevamo parlato di come a Roma ci sia una vera e propria guerra tra tassisti autorizzati e abusivi, e dell'effetto che questa ha sulla città e sui cittadini.

Il servizio trasmesso ieri sera è iniziato con un racconto sconvolgente. La Iena ha, infatti, intervistato Patrizio, conducente di un furgone che effettua il servizio N.C.C. (Noleggio con conducente). Quest'ultimo ha rivelato che un tassista ha sparato alla sua vettura, parcheggiata nei pressi di Parco Leonardo, vicino l'aeroporto di Fiumicino, con un pallino di acciaio. Dello scontro tra tassisti e conducenti N.C.C., però, la Iena ne parlerà la prossima settimana. Ieri, invece, l'inviato ha parlato di come i tassisti, abusivi e non, sceglierebbero i clienti "da spennare".

Le Iene: il servizio di Nicolò De Devitiis a Roma

La Iena ha spiegato, infatti, che anche alcuni tassisti autorizzati compiono atti ai limiti della legalità, spinti dal fatto che, secondo loro, nessuno li controllerebbe. Praticamente, questi ultimi non attiverebbero il tassametro, e determinerebbero autonomamente le tariffe. Tariffe che, spesso, risultano davvero alte. "Per esempio, alcuni tassisti si mettono ad aspettare i clienti più appetibili, cioè i turisti stranieri, in posti dove non potrebbero stare. Perché abbiamo visto che è proprio al turista straniero che si possono chiedere, magari, tariffe folli al di fuori di ogni regola. E dove possono mettersi a scegliere il cliente giusto da spennare? Non certo in una fila regolare, dove chi gli capita gli capita, sono costretti a farli salire a bordo" ha esordito l'inviato.

roma le iene
L'area di sosta nei pressi della stazione di Termini. (Fonte: Le Iene).

Secondo quanto spiegato dal conduttore, i 'furbetti' si apposterebbero, ad esempio, nei pressi delle uscite laterali della stazione di Roma Termini, mentre l'area riservata ai taxi è nel piazzale antistante. "Quindi, chi vuole evitare di mettersi in coda con i colleghi, magari si ferma qui in sosta vietata" ha detto la Iena. Uno dei tassisti regolari intervistati da De Devitiis ha aggiunto che sembra inutile far notare ai 'furbetti' che stanno compiendo atti illeciti. "Se gli dico qualcosa, mi insultano. Mi danneggiano la macchina" ha spiegato.

Lo scontro con i tassisti furbetti e altri dettagli

Il conduttore ha, pertanto, cercato di saperne di più proprio dai conducenti che si fermerebbero in corrispondenza con le uscite laterali della stazione. La reazione di uno di questi ultimi è stata, ovviamente, negativa, con un acceso scontro verbale e insulti da parte del tassista. Inoltre, l'inviato ha notato che due tassisti, in particolare, sembrano essere degli 'habituè' delle soste vietate, e sarebbero conosciuti anche dalle Forze dell'Ordine. "Questo con la Multipla è conosciutissimo" ha detto uno.

roma le iene
L'area di sosta nei pressi del Colosseo. (Fonte: Le Iene).

De Devitiis ha aggiunto che anche in altre zone di Roma succedono cose simili. Ad esempio, nei pressi del Colosseo. "Anche qui, naturalmente, c'è una piazzola riservata ai taxi, con una fila da rispettare, che si trova un po' più distante dalle uscite del parco archeologico del Palatino, rispetto al posto in cui i soliti furbetti, che non intendono fare la fila, si mettono in sosta vietata ad aspettare il turista che fa più a caso loro" ha spiegato l'inviato. Per questo motivo, vi consigliamo di prendere il taxi solo nei pressi delle piazzole riservate, per evitare di pagare tariffe salatissime.

LEGGI ANCHE>>>Le Iene, affitti alle stelle per un motivo apparentemente positivo: Gaetano Pecoraro rivela perché è difficile trovare casa in Italia