Calcio, gravissime accuse di Koke nella sfida con il Barcellona. Insulti agli arbitri: "Sono venduti"

Calcio

Gravissime le accuse del giocatore dell'Atletico Madrid durante la sfida di calcio con il Barcellona. Oggetto di critiche gli arbitri della gara del Camp Nou

Molto spesso i giocatori si schierano apertamente contro la direzione di gara della partita in questione da parte degli arbitri. Quando, però, vi sono gesti così plateali, è quasi inevitabile che faccia notizia. La tensione del momento incide parecchio sugli atteggiamenti dei giocatori, i quali protestano spesso nei confronti dei direttori di gara. Dai cartellini mancati a possibili calci di rigore, basta poco per accendere l'intero ambiente (tifosi compresi) e i calciatori possono risentirne ed effettuare proteste a volte esagerate. Con l'introduzione del VAR nel mondo del calcio, dovrebbero esserci in teoria meno polemiche; in realtà, queste non mancano mai e, anzi, i giocatori ne invocano spesso l'intervento.

La tensione e la frustrazione in determinate fasi della partita fanno da padrone, a discapito degli arbitri che spesso sono oggetto di critiche da parte dei calciatori. Quanto accaduto in occasione della sfida de LaLiga spagnola (principale campionato calcistico iberico) tra Barcellona e Atletico Madrid è in piena linea con quanto appena detto. Trattandosi di un incontro tra due squadre storicamente rivali, anche per questioni politiche (corona da un lato e indipendentismo catalano dall'altro), la tensione era alle stelle. Per giunta, il club blaugrana è vicino alla conquista del titolo, motivo per il quale ottenere tre punti contro una squadra a dir poco ostica come l'Atletico era particolarmente importante. Così è stato, con il Barcellona che si è imposto di misura grazie alla rete di Ferran Torres. La sconfitta e la gestione arbitrale della sfida non ha soddisfatto l'Atletico. A dimostrazione di ciò vi sono le parole scovate dalla telecamera del centrocampista Koke.

Calcio, accuse gravissime di Koke verso gli arbitri: "Sono venduti"

Di recente, il Barcellona è stato coinvolto in un'inchiesta nella quale sarebbe accusata di aver corrotto (con elevato compendio economico) un ex direttore di gara nonché ex vicepresidente del collegio tecnico arbitrale della federazione spagnola, Negreira. L'accusa è naturalmente di un certo spessore, a seguito della quale sono in corso indagini che coinvolgono il club blaugrana. L'intero ambiente calcistico spagnolo ha così iniziato ad avere dubbi circa il corretto svolgimento delle partite. Secondo il centrocampista dell'Atletico Madrid, lo stesso sarebbe accaduto nella sfida di domenica, terminata come detto per 1-0 per il Barcellona. Koke ha assistito all'intero match dalla panchina, senza essere schierato in campo dal tecnico Diego Simeone. Proprio dalla panchina sono arrivate le gravissime accuse da parte dello spagnolo. Non vi sono grossi dubbi grazie alle immagini circolate sui social, con le telecamere che hanno colto in fragrante Koke.

Il labiale è piuttosto chiaro, in quanto Koke pronuncia le seguenti parole: "Están comprados", ovvero letteralmente 'Sono venduti'. Il riferimento è ovviamente agli arbitri della gara (l'intera terna arbitrale), rei di andare a favore del Barça dietro compenso economico. L'accusa è gravissima ma non dovrebbe esservi, almeno per il momento, alcun rischio di squalifica tramite prova TV. Resta l'evidente gesto di frustrazione e l'accusa grave mossa nei confronti degli arbitri.

LEGGI ANCHE>>>Juve-Napoli, la guerra continua: gara di parolacce contro il vice di Allegri. I tifosi partenopei non perdonano le offese a mister Spalletti