sabato, Aprile 1, 2023
HomeEconomiaTutela dei ConsumatoriIl formaggio Philadelphia non è nato nell'omonima città americana: ecco perché si...

Il formaggio Philadelphia non è nato nell'omonima città americana: ecco perché si chiama così

Il nome 'Philadelphia' deriva dall'omonima città americana, ma il formaggio non è nato lì: ecco perché si chiama così

Philadelphia, italianizzato Filadelfia, è una nota città degli Stati Uniti. È la città più grande per popolazione della Pennsylvania ma, a differenza di come molti pensano, non è il capoluogo dello Stato dell'East Coast. Per quanto, però, sia Harrisburg, il capoluogo, è 'Philly', come viene affettuosamente chiamata dagli statunitensi, il vero centro culturale dell'importante Stato. È lì, infatti, che si trova una delle più importanti Università degli USA, e cioè l'Università della Pennsylvania, ed è lì che si è sviluppata un'importante scena musicale, soprattutto jazz e di musica classica, ma anche pop e rock.

Philadelphia è, inoltre, il nome di un ormai celeberrimo formaggio spalmabile. Prodotto per la prima volta nel 1872, è commercializzato in Italia dal 1971. È uno dei formaggi preferiti dai giovani, anche se è amato, in generale, da tutti. Gli usi di questo formaggio sono variegati: si può spalmare sul pane, può essere utilizzato con il sushi, ma anche con i dolci. È, infatti, utilizzato per le cheesecake, dolci amatissimi in tutto il mondo. Il formaggio, a marchio Kraft, è diventato, ormai, uno dei prodotti più acquistati anche nel nostro paese.

Philadelphia: ecco perché si chiama così

Il formaggio Philadelphia prende, effettivamente, il nome dalla nota città statunitense. Non è stato, però, inventato in questa città, ma a circa 150 chilometri di distanza. Come spiega la stessa Kraft Foods, infatti, il formaggio è stato prodotto per la prima volta da un casaro statunitense, William Laurence, a New York City. Esattamente come la New York Cheesecake, infatti, il famosissimo formaggio spalmabile è nato nella città più famosa degli Stati Uniti. E allora perché si chiama Philadelphia?

Lo ha svelato sulla sua pagina Instagram Massimiliano Dona, commendatore della Repubblica Italiana e Presidente dell'UNC - Unione Nazionale Consumatori. Come abbiamo preannunciato, il nome prende effettivamente spunto dalla città della Pennsylvania, ma il motivo non è la provenienza geografica. La ragione per cui il casaro William Laurence avrebbe chiamato così la sua invenzione, a sua volta simile al quark europeo, è perché Philadelphia, ai tempi, era sinonimo di qualità. Da lì, ha spiegato il noto avvocato italiano, provenivano i formaggi più pregiati. Anche alla fine del Diciannovesimo secolo, insomma, esisteva il marketing, e l'idea avuta da William Laurence è sopravvissuta - di molto! - all'inventore. E menomale, diremo: il formaggio Philadelphia è davvero gustosissimo!

LEGGI ANCHE>>>Caro carburante, risparmiare sulla benzina è possibile: i consigli di Massimiliano Dona al TG1 Mattina