sabato, Febbraio 4, 2023
HomeSpettacoloStefano Coletta continua il restauro Rai: al centro Bruno Vespa ma non...

Stefano Coletta continua il restauro Rai: al centro Bruno Vespa ma non con Porta a Porta

Ancora grandi novità in casa Rai: Stefano Coletta punta sull'informazione e su Bruno Vespa. Il celebre giornalista avrà uno spazio tutto suo in una fascia oraria completamente diversa da quella di Porta a Porta.

Bruno Vespa è da anni uno dei pilastri fondamentali su cui poggia l'intera azienda sita in Viale Mazzini. Porta a Porta è un simbolo di cultura, informazione e spettacolo. Con i suoi ospiti riesce ad intrattenere una discreta fetta di pubblico, nonostante la messa in onda trovi spazio nella seconda serata inoltrata. Alberto Angela e la sua divulgazione, scientifica e non solo, hanno dimostrato quanto bisogna puntare sulla 'sostanza' a pari livello dell'intrattenimento.

I telespettatori, sorprendentemente anche quelli più giovani, hanno voglia di imparare, apprendere cose nuove e soprattutto cercano il dibattito e il confronto. Musica e liti entusiasmano, ma lasciano il tempo che trovano e non fanno presa come un contenuto di qualità, pensato e costruito secondo le esigenze delle varie fasce orarie. Proprio per questo motivo, Stefano Coletta chiama Bruno Vespa e stravolge ancora una volta i palinsesti di Rai 1. Non è ancora stata fissata una data, ma molto presto il giornalista e conduttore esordirà in una veste totalmente inedita e in una fascia oraria inaspettata.

Stefano Coletta stravolge ancora i palinsesti: Bruno Vespa al timone di un nuovo programma

La notizia emerge su Twitter ed è stata riportata da Il Fatto Quotidiano. A quanto pare continua l'operazione di restauro in casa Rai e la valorizzazione di contenuti di stampo informativo per gli esigenti telespettatori. Non solo Porta a Porta: il giornalista abruzzese sbarca in una fascia oraria diversa, che si allaccia al Tg1 e all'ottimo lavoro degli autori che se ne occupano. Continua così la scia dei format 'modello Biagi', indimenticabile in relazione a qualche anno fa.

Saranno cinque minuti che precederanno il preserale della rete, al termine del Tg1 che attualmente vede Amadeus con I Soliti Ignoti. Sarà un approfondimento politico, economico oppure basato su cronaca o spettacolo secondo i principali accadimenti del giorno. Un 'plus' importante che dona ancora più lustro alla striscia informativa che il servizio pubblico propone. Questo permetterà non solo di rafforzare il già esaustivo lavoro del telegiornale, garantirà anche al pubblico che si sintonizza per il quiz del preserale di fare il carico di notizie e non rimanere mai disinformato.

LEGGI ANCHE>>>Stefano Coletta, sapete qual è il suo titolo di studio? L'inaspettata formazione del vincente direttore Rai