giovedì, Gennaio 26, 2023
HomeSpettacoloSanremo 2023, ecco come sono le canzoni in gara: "Grande consenso per...

Sanremo 2023, ecco come sono le canzoni in gara: "Grande consenso per una in particolare"

I brani in gara al Festival di Sanremo 2023 sono stati ascoltati in anteprima dalla stampa italiana: ecco cosa ci aspetta

A 21 giorni dall'inizio della nuova edizione del Festival di Sanremo, i brani dei 28 big in gara sono stati presentati in anteprima alla stampa italiana. Alcuni giornalisti e critici, rigorosamente selezionati, hanno ascoltato tutte le canzoni che verranno presentate sul palco dell'Ariston a partire da martedì 6 febbraio 2023. Come al solito, al termine della sessione di ascolti, su diverse testate sono state pubblicate le prime impressioni dei giornalisti che hanno partecipato all'evento.

Anche la conduttrice radiofonica e televisiva Ema Stokholma, volto e voce di punta di Rai Radio 2, si è recata a Roma per conto dell'emittente radiofonica pubblica e ha ascoltato tutti e 28 i brani. "Una canzone su tutte ha ricevuto molto consenso tra i giornalisti durante l'ascolto" ha scritto la speaker sul suo profilo Twitter, generando una grande curiosità tra i fan del Festival della Canzone Italiana. Cerchiamo di scoprire qual è, analizzando i vari commenti della stampa.

Sanremo 2023: le prime impressioni sui brani

Pubblichiamo la lista in ordine alfabetico per cantante. Il brano di Anna Oxa, Sali (Canto nell'anima), a firma anche dal leader dei Baustelle Francesco Bianconi, ha colpito per la sua epicità e il suo testo particolare. Un elemento sottolineato spesso dalla critica è la complessità della canzone: Vanity Fair l'ha definita, infatti, "eccessiva" e con "virtuosismi a gogò". Rolling Stone ha valutato positivamente, invece, la performance canora dell'artista. Per TV Sorrisi e Canzoni, Mare di guai di Ariete è una canzone fresca e romantica, e Rolling Stone l'ha definita "delicata" Il brano, scritto a quattro mani con Calcutta, ha ricevuto un buon voto da Il Sole 24 Ore: 7- per la ballata della cantautrice laziale. Meno buono il voto assegnato a Un bel viaggio degli Articolo 31, che ha ricevuto un 5.

Più clemente Vanity Fair, che ha commentato positivamente il testo di J-Ax e le musiche, scritte in collaborazione con Daniele Silvestri. Splash di Colapesce e Dimartino ha ricevuto una critica positiva generale: oltre al 6- assegnato da Il Sole 24 ore, Rolling Stone e Vanity Fair ne hanno lodato il ritmo incalzante e il testo intelligente. Questa, per la stampa, potrebbe essere una hit come Musica Leggerissima. TV Sorrisi e Canzoni ha definito 'nostalgico' e 'scanzonato il brano dei Colla Zio, Non mi va, che per Vanity Fair è fresco ed energico. Anche Il Sole 24 Ore ha valutato positivamente la canzone, con un 7-.

Le altre canzoni

L'introspezione e la profondità de L'addio dei Coma Cose ha colpito tutti, e per Rolling Stone 'la canteremo spesso'. Molto positiva la recensione di TV Sorrisi e Canzoni di Due della cantante romana Elodie, definita 'radiofonica e ritmata' ma 'tutt'altro che banale'. Meno clemente Il Sole 24 Ore, che ha assegnato 5,5 al brano. Il commovente brano che Gianluca Grignani ha dedicato al padre, Quando ti manca il fiato, ha colpito quasi tutti per la sua profondità. Rolling Stone, ad esempio, ha definito il cantautore 'l'unica rockstar di Sanremo 2023'. 'Quasi', dicevamo, perché Il Sole 24 Ore ha assegnato un 5-. Mostro di Gianmaria, invece, ha colpito la stampa per l'uso degli strumenti elettronici e per la voce fresca dell'ex concorrente di X Factor.

Parole dette male di Giorgia è stata definita una ballad elegante, simile a quelle di Whitney Houston, da Rolling Stone, mentre TV Sorrisi e Canzoni ha valutato positivamente la versatilità nella voce dell'artista. Per Il Sole 24 Ore, Lettera 22 dei Cugini di Campagna è un curioso esperimento crossgenerazionale, ma un'operazione 'ingiudicabile'. Per Rolling Stone, nel brano scritto da La Rappresentante di Lista, i Cugini di Campagna 'si prendono sul serio'. Ottime le recensioni, invece, per 'Cenere' di Lazza, che ha colpito tutta la stampa per il suo essere a metà fra un pezzo rape un brano elettronico grazie alla firma di Dardust. Per Rolling Stone, sarà l'ennesima hit del rapper.Opinioni piuttosto positive anche per Terzo Cuore di Leo Gassman: il brano del figlio di Alessandro Gassman, scritto con Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari, ha colpito soprattutto per la sua melodia orecchiabile.

Le ultime recensioni

Opinioni controverse, invece, per Se poi domani di LDA: il brano del figlio di Gigi d'Alessio non ha colpito Il Sole 24 Ore, che gli ha dato 3, e nemmeno Rolling Stone. Più positiva la recensione di Vanity Fair. Molto bene Levante con Vivo e Madame con Il bene nel male: oltre agli ottimi voti de Il Sole 24 Ore, 6,5 per Levante e 7- per Madame, anche le altre riviste hanno valutato positivamente i brani delle due artiste. Le caratteristiche che hanno maggiormente colpito sono la femminilità e l'eroticità della prima e il ritmo della seconda, che per Vanity Fair 'farà ballare tutti'.

Una canzone 'tutt'altro che superficiale' e, anzi, 'dolorosa', è stata definita Duemilaminuti di Mara Sattei, scritta da Damiano David dei Maneskin e thasup. Il brano ha ricevuto il voto più alto da Il Sole 24 Ore, un bel 7,5. Piuttosto bene anche Marco Mengoni: la sua Due vite, una ballad romantica e profonda, ha ricevuto il voto più alto insieme al brano di Lazza da All Music Italia. Meno bene i Modà e Mr. Rain: i loro due brani, Lasciami e Supereroi, non hanno raggiunto il 6 per Il Sole 24 Ore. Il testo dedicato alla depressione del primo e la storia raccontata nel secondo sono stati, però, valutati positivamente da Sorrisi. Polvere di Olly non è piaciuta ai giornalisti de Il Sole 24 Ore, che gli hanno assegnato un 3, ma Sorrisi e Rolling Stone ne hanno lodato il ritmo veloce e incalzante.

A proposito di ritmo veloce e incalzante: come tutti immaginavano, il brano di Paola & Chiara, Furore, è uno dei pezzi più dance e ritmati. "C'è tutto quello che vogliamo da Paola e Chiara" ha commentato Rolling Stone. Meno generoso Il Sole 24 Ore, che ha assegnato un 4.

Qual è il brano che ha colpito più di tutti?

Anche Made in Italy di Rosa Chemical, Cause perse di Sethu e Egoista di Shari non hanno soddisfatto Il Sole 24 Ore, mentre il loro ritmo urban pop ha convinto Vanity Fair. Rosa Chemical, in particolare, è stato definito da quest'ultima rivista la rivelazione dell'anno. Tango di Tananai ha colpito i giornalisti perché è diversa da come tutti ci aspettavamo: abbandonata l'ironia del brano portato precedentemente a Sanremo, è molto più profonda e romantica. Non sorprende, invece, la scelta musicale di Ultimo, che ha portato una nuova ballad profonda e di buon gusto, Alba. Stupido di Will ha ottenuto recensioni tutto sommato positive, soprattutto per la sua freschezza e per essere adatta alla generazione di TikTok.

Ma quale può essere la canzone di cui parlava Ema Stokholma, dunque? Considerando questo excursus appena fatto, potrebbe trattarsi del brano di Mara Sattei, o forse di quello di Madame, Marco Mengoni Colapesce Dimartino. Secondo noi, però, considerando gli ottimi voti e la modernità del brano, si tratta proprio di quello portato dalla sorella di thasup!

LEGGI ANCHE>>>Festival di Sanremo 2023, Amadeus stravolge completamente il regolamento: il comunicato