striscia la notizia

Striscia la Notizia, dopo la farina di grillo ne arriveranno altre? La proposta di Enzo Iacchetti è esilarante

Dopo il via libera dell'Unione Europea al commercio di farina di grillo, arriveranno altre farine di insetti? La proposta di Striscia la Notizia

Il nuovo anno si è aperto con un'importante decisione da parte dell'Unione Europea. Come avevamo scritto in questo articolo, infatti, con il Regolamento di Esecuzione UE 2023/5 è stato autorizzato l'utilizzo della polvere di grillo domestico parzialmente sgrassata da parte delle aziende alimentari. Questa particolare farina è stata inserita nell'elenco dei nuovi alimenti e potrà essere utilizzata nella produzione di alimenti come pane, biscotti e snack. La decisione dell'Unione Europea è stata, naturalmente, oggetto di discussioni internazionali.

Se, da una parte, i puristi della cucina tradizionale hanno visto di cattivo occhio l'inclusione della farina di grillo tra i nuovi alimenti dell'Elenco UE, dall'altra le sue proprietà benefiche e l'ecosostenibilità dell'alimento, che è poco inquinante, dimostrano che, forse, la decisione non è così sbagliata. Molti si chiedono, inoltre, se questa decisione condurrà all'approvazione di altri alimenti a base di insetti. In effetti, molti insetti sono considerati commestibili dalla FAO, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e per l'agricoltura, e sono consumati regolarmente in diverse parti del mondo.

Striscia la Notizia: l'esilarante proposta di Enzo Iacchetti

Nel corso della puntata di Striscia la Notizia andata in onda ieri sera su Canale 5, Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti hanno commentato in maniera ironica la scelta dell'Unione Europea. In particolare, hanno parlato della possibilità di ammettere anche altre polveri e farine derivate da insetti commestibili. L'ironica proposta di Enzo Iacchetti, in particolare, ha fatto ridere tutti i telespettatori. Il conduttore si è presentato con un grembiule con su scritto "Cibo sostenibile" e ha mostrato un piatto di pasta fatta con...farina di cicale!

"La Comunità Europea ha dato il consenso per la produzione della farina di grillo [...] la cosa ha fatto saltare la mosca al naso a molti produttori di farina, e allora io mi son dato da fare e ho fatto la farina di cicale! E con questa farina ho fatto un bel piatto di tagliatelle" ha detto il conduttore. Dopo averle fatte assaggiare a un collega, ha detto, facendo riferimento al verso delle cicale, che di solito sono sveglie di notte: "È importante mangiarle solo a pranzo, perché se le mangi a cena, a letto non chiudi occhio!". Ha aggiunto, inoltre, che mangiando queste tagliatelle si diventa una sorta di juke-box. Basta muovere l'orecchio a mo' di rotellina per ascoltare...Cicale di Heather Parisi!

Farine di insetti

Esilaranti battute a parte, molti telespettatori si saranno chiesti se esiste davvero la farina di cicale. Ebbene, anche se le cicale sono insetti commestibili e possono essere anche fritte - assumendo, a detta di molti, un sapore simile alle french fries - non esiste, in realtà, una polvere utilizzata come la farina di grillo. Esistono, però, altre farine di insetto, come quella di scorpione e di larva del miele. Attualmente, però, in Europa sono tre gli insetti di cui la vendita e il consumo sono autorizzati: oltre ai grilli, anche la locusta migratoria e la tarma della farina. Ne arriveranno presto altri? Lo scopriremo presto.

LEGGI ANCHE>>>Striscia la Notizia, lavori infiniti per una Chiesa che non ne ha bisogno: la scoperta di Jimmy Ghione è sconcertante