sabato, Febbraio 4, 2023
HomeCronaca e PoliticaStriscia la Notizia, a Napoli c'è un palazzetto dello Sport 'fantasma': Luca...

Striscia la Notizia, a Napoli c'è un palazzetto dello Sport 'fantasma': Luca Abete mostra le sue assurde condizioni

L'inviato di Striscia la Notizia Luca Abete ha mostrato le condizioni in cui si trova un palazzetto rinnovato e restaurato solo qualche anno fa

Tra gli inviati più noti del programma targato Mediaset Striscia la Notizia c'è sicuramente Luca Abete. L'inviato, nato ad Avellino il 2 ottobre 1973, realizza per il programma in onda su Canale 5 dal lunedì al sabato diversi e interessantissimi servizi, principalmente ambientati nella sua regione, la Campania. Nel corso del servizio trasmesso ieri sera e introdotto dai conduttori Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti, l'inviato del programma di Canale 5 ha mostrato le incredibili condizioni del Pala Dennerlein, un Palazzetto dello Sport situato nel quartiere napoletano di Barra.

Il Palazzetto, costruito circa 40 anni fa, era stato rinnovato e restaurato nel 2019, quando nel capoluogo campano si tennero le Universiadi, le Olimpiadi Universitarie. Il progetto era ambizioso: restituire alla città uno dei migliori impianti sportivi e garantire il suo funzionamento anche successivamente all'evento. Milioni di euro sono stati spesi per la restaurazione dei palazzetti e l'organizzazione dell'evento in generale, ma sfortunatamente il Pala Dennerlein è di nuovo inagibile.

Striscia la Notizia: il servizio di Luca Abete

L'inviato ha mostrato, nel corso del servizio, le terribili condizioni in cui versa il Palazzetto. Le porte sono rotte, i bagni ridotti in frantumi, la grande piscina è vuota e il pavimento è rotto ed è tutto sporco. "Ci sono anche perplessità sull'utilizzo dei fondi, visto che la piscina dei tuffi non è stata completata" ha dichiarato Abete, aggiungendo che nel 2017 la struttura funzionava correttamente. Dopo i lavori di riqualificazione e lo svolgimento delle Universiadi, però, sembra essere succeso qualcosa.

"Questa piscina funzionava, è stata costruita con i fondi del dopo-terremoto del 1980. Poi, con il Covid, non è stata più utilizzata" ha dichiarato una testimone. Abete ha spiegato che la Regione Campania ha curato la riqualificazione dell'opera, e al termine delle Universiadi ha restituito la struttura al Comune di Napoli. L'obiettivo era quello di assegnare la piscina alla Federazione Italiana Nuoto. Quest'ultima, però, sembra aver ritenuto l'offerta inattuabile.

"Gestione dell'impianto ci deve essere un limite di convenienza. Se il limite di convenienza deve essere solo tuo, non firmiamo. Se lei vuole vendere casa e vuole un milione di euro, ma la casa ne vale 100 la casa non la venderà mai" ha dichiarato un testimone, di cui non è chiara l'identità. L'inviato ha, comunque, chiamato l'attuale Assessore allo Sport del Comune di Napoli, Emanuela Ferrante, per avere chiarimenti e aggiornamenti.

Le parole dell'Assessore allo Sport

"Il comune di Napoli ha difficoltà a gestire direttamente gli impianti, perché non abbiamo personale, e quindi direttamente gli impianti non li possiamo gestire. I lavori inizieranno intorno alla Primavera, quindi ci vorrà credo un annetto di lavori, immagino. Dopodiché, dopo aver ultimato l'impianto, procederemo con le gare per l'affidamento degli impianti" ha dichiarato la Ferrante. Si attendono aggiornamenti.

LEGGI ANCHE>>>Striscia la Notizia, coniugi ritrovano l'auto sottratta ma i problemi non finiscono: il servizio di Moreno Morello su una truffa 'lunga 7 anni'