giovedì, Gennaio 26, 2023
HomeCronaca e PoliticaEpifania, è allarme caramelle scadute: gli errori da evitare nella calza della...

Epifania, è allarme caramelle scadute: gli errori da evitare nella calza della Befana

Con la festa dell'Epifania scatta la corsa alla convenienza, ma attenzione a cosa mettiamo nella calza della Befana: i rischi sono seri, soprattutto per i più piccoli

Se è vero che tutte le feste porta via, l'Epifania, come tutte le occasioni in cui non si bada a spese per far felici i più piccoli (ma anche gli adulti più golosi di dolciumi), può portare con se anche qualche pericolo. Che si nasconde proprio nella coloratissima e piena fini all'orlo calza della Befana. I più amanti della festa dello zucchero amano riempirla il più possibile con snack, cioccolatini e dolcetti di tutti i tipi per viziare e coccolare il fortunato destinatario del dolcissimo dono. Ma anche nell'acquistare questo tipo di prodotti bisogna fare davvero molta attenzione. Sono fioccate, infatti, in questi giorni, offerte in tutti i negozi di alimentari e nei supermercati. Una corsa alla convenienza per procacciare il maggior numero di clienti.

Clienti che spesso sono distratti e poco accurati nel riempire il carrello della spesa, o che si lasciano attrarre dai numeri convenienti e dimenticano di seguire le regole auree del consumatore. Questa frenesia però può avere delle conseguenze, una su tutte quella di acquistare dei prodotti scadenti o addirittura scaduti. Che vanno poi a finire nelle calze dei più piccoli, generando problemi di salute.
Vediamo dunque quali sono le leggerezze da non commettere e i consigli perfetti per una calza della Befana al 100% sicura.

Epifania, attenzione alle offerte troppo convenienti. Il controllo della confezione è indispensabile prima di acquistare

La prima accortezza da seguire è quella di diffidare delle offerte troppo convenienti. E' giusto risparmiare, ma se il prezzo è esageratamente conveniente significa che bisogna stare alla larga da quel prodotto. Spesso, infatti, qualche commerciante disonesto tenta di liberarsi di merce non buona svendendola per pochi euro. E a cascare in questa trappola sono spesso i più giovani, inesperti e facilmente raggirabili, o ancora gli anziani.

La seconda regola da seguire è quella di controllare sempre la data di scadenza. Se è troppo vicina, è meglio lasciar stare quello snack venduto a pochi soldi.
Se invece addirittura è stata rimossa e sulla confezione notate un 'buco' ritagliato con le forbici laddove dovrebbe esserci la data di scadenza, non solo non dovete acquistare quel prodotto, ma la cosa va segnalata immediatamente alle forze dell'ordine. Perché quasi sicuramente siete dinanzi a un caso di contraffazione.

LEGGI ANCHE >>> Gatto Garfield, i telefoni giocattolo degli anni '80 riaffiorano dai mari della Francia: oggi sappiamo il perché